rotate-mobile
Cronaca

La sfida della cooperativa che assume 50 donne vittime di violenza: "Una vera emergenza"

Finzi (Legacoop): "La violenza sulle donne non è un tema tra i tanti dell’agenda politica e sociale: è una questione che sta al fondamento della convivenza e, fin quando non sarà risolto, nessuno potrà dirsi libero"

“La violenza maschile sulle donne, anziché attenuarsi, assume ogni giorno di più i connotati di vera e propria emergenza. È una forma di violenza che, oltre a manifestarsi in modo cruento fino all’assassinio, si esercita nel vivere quotidiano, fra le mura di casa e sul posto di lavoro". E' il commento di Rita Finzi, responsabile Commissione Pari Opportunità di Legacoop Emilia-Romagna, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

"Per contrastare questa cultura della sopraffazione le imprese cooperative, già da alcuni anni, attraverso iniziative e progetti puntano a prevenire, riconoscere e contrastare qualsiasi forma di molestia e abuso che si possano verificare sul posto di lavoro e a sostenere il valore e la dignità delle donne - spiega Finzi - Moltissime cooperative hanno varato progetti di sensibilizzazione e supporto per favorire anche la difficilissima azione di denuncia da parte della donna. Camst a oggi, tramite il progetto "E' ora di cambiare tono", ha assunto 50 donne vittime di violenza presso le strutture produttive (cucine centralizzate, ristoranti self-service, mense aziendali) dislocate nel centro e nel nord del Paese, 27 solo in Emilia-Romagna., restituendo loro dignità, autonomia e sicurezza".

"Questa vera e propria emergenza sociale è innanzitutto riconducibile a un grave deficit culturale - continua la responsabile di Legacoop - la molestia sui luoghi di lavoro si esprime spesso in forme ambigue e poco riconoscibili da parte degli stessi soggetti coinvolti. Le donne tutte sanno perfettamente quanto sia difficile evidenziarli e denunciarli. Questa è la sfida raccolta dalle cooperative e da Legacoop: favorire i cambiamenti culturali e, di conseguenza, comportamentali. Lo scorso 16 aprile Legacoop Emilia-Romagna ha sottoscritto, insieme a Confcooperative e Agci (associazione generale cooperative italiane), riunite nell’Alleanza delle Cooperative, un accordo con le organizzazioni sindacali per ribadire il proprio impegno nel promuovere attività finalizzate alla sensibilizzazione degli attori e alla prevenzione dei fenomeni attraverso iniziative di informazione e formazione di dirigenti e lavoratori. La violenza sulle donne non è un tema tra i tanti dell’agenda politica e sociale: è una questione che sta al fondamento della convivenza e, fin quando non sarà risolto, nessuno potrà dirsi libero: liberare le donne dal rischio di essere molestate e di subire abusi significa rafforzarne la posizione sociale e poter raggiungere quella democrazia paritaria a cui l’intera società deve tendere”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sfida della cooperativa che assume 50 donne vittime di violenza: "Una vera emergenza"

RavennaToday è in caricamento