rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Faenza

La storica cartolibreria scopre di aver festeggiato il secolo di vita grazie a una pubblicità

I festeggiamenti inizialmente erano previsti per il 2024, ma solo recentemente si è trovato un documento, in forma di inserzione pubblicitaria sul Giornale L’Idea Popolare, che attesta l’esistenza dell’attività nel gennaio 2021

Nella giornata di sabato 30 aprile alle ore 16.00 La Cartolibreria Sorelle Resta di Caroli Paolo e Natascia di Faenza, ha festeggiato i suoi “primi” 100 anni di vita organizzando una piccola festa per i più piccoli con la presenza del giocoliere Roberto Graziani, in arte Bebo, e un brindisi in compagnia del sindaco di Faenza Massimo Isola, della Consigliera Regionale Manuela Rontini e del Direttore della Confcommercio di Faenza Dott. Francesco Carugati.

I festeggiamenti inizialmente erano previsti per il 2024, ma solo recentemente si è trovato un documento, in forma di inserzione pubblicitaria sul Giornale L’Idea Popolare, che attesta l’esistenza dell’attività nel gennaio 2021, lasciando peraltro intendere che la stessa fosse comunque già operante precedentemente. Per cui nel gennaio del 1921 la pubblicità mette in risalto il subentro nell'attività di Luisa Valmori Pozzi delle sorelle Caterina e Maria Resta, che gestiscono l'attività in modo brillante fino a diventare un punto di riferimento importante per l'intera città e il circondario. Poi la storia e l’attività della cartolibreria prosegue e nel 1931 Antonio Caroli, dopo aver abbandonato gli studi a 12 anni, inizia a collaborare con loro con grande entusiasmo e profitto, tanto è vero che già nel 1942 stipulano un contratto di gestione congiunta dell'attività. In quei tempi il negozio era sito in Corso Mazzini 15 dove ora c'è la Tabaccheria Galletti e tra gli articoli in vendita c'erano anche porcellane, casalinghi, generi vari: insomma, un piccolo ma fornitissimo emporio.

Nel dopoguerra cambia molto: infatti alla fine del 1949 la cartoleria si trasferisce nella sede attuale al civico 12 acquisendo anche la proprietà dell'immobile. I nuovi locali, negozio e magazzino, molto più ampi rispetto ai precedenti, permettono un'esposizione migliore e soprattutto di inserire anche libri di “varia”, quindi non scolastici, tra gli articoli in vendita, un salto in avanti notevole dal punto di vista qualitativo. Nel 1958 Resta Maria e Caterina cedono la restante quota del 50% ai fratelli Caroli (Antonio, Laura e Giulia). Negli accordi c'è anche la possibilità di continuare a utilizzare la denominazione attuale Sorelle Resta, cosa cui i tre fratelli tengono molto sia per la notorietà acquisita fino ad allora, sia per una vera e sentita riconoscenza verso Maria e Caterina. In quell'anno si stipulano accordi anche per la suddivisione dei danni di guerra quando saranno pagati, e sempre nel 1958 la cartoleria diviene di proprietà piena ed esclusiva dei fratelli Caroli anche se con quote diverse.

Nel febbraio 1966 viene poi acquistato il negozio a lato al civico 10 dalla parrocchia di San Domenico (Don Battista Mauro Sassi), e questo giova molto all'espansione del negozio perché, pur essendo solo 19 metri quadri ma su tre piani, permette di incrementare l'attività della cartoleria, anzitutto con una seconda vetrina dedicata unicamente ai libri, di dotarla di un montacarichi che agevola notevolmente l'attività quotidiana permettendo di spostare carichi pesanti in modo facilitato. Alla fine del 1985 Paolo Caroli, attuale titolare, pur avendo conseguito la laurea entra nella compagine sociale acquisendo il 24% del capitale, inserendosi quindi in maniera stabile nella conduzione dell'attività. La scomparsa poi in pochi anni del padre Antonio e delle zie lo rende pienamente e sempre più consapevole delle difficoltà del settore, nel momento in cui la Gdo si affaccia nel mercato del libro sia di varia che scolastico. Gli anni a seguire sono certamente complicati ma non privi di soddisfazioni. Nel 2015 Natascia decide di iniziare a lavorare stabilmente nella cartolibreria e dal 2020 entra nella compagine societaria per proseguire, si spera per moltissimi anni ancora, nell'attività di famiglia.

inserzione pubblicitaria-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storica cartolibreria scopre di aver festeggiato il secolo di vita grazie a una pubblicità

RavennaToday è in caricamento