La truffa dei minori abbandonati: smascherate due famiglie

Permane costante l’attività di monitoraggio degli investigatori del Commissariato di Polizia di Faenza sul fenomeno dei minori stranieri abbandonati

Permane costante l’attività di monitoraggio degli investigatori del Commissariato di Polizia di Faenza sul fenomeno dei minori stranieri abbandonati. In particolare di recente i poliziotti manfredi hanno avuto modo di accertare un nuovo canale utilizzato da sedicenti minori albanesi, non accompagnati, per giungere in Italia e richiedere poi l’assistenza a carico delle istituzioni locali per il loro status di minore straniero abbandonato.

Infatti i poliziotti del Commissariato di Faenza hanno recentemente individuato due minori di nazionalità albanese, un 17enne e un 16enne, che si sono presentati al cancello d’ingresso del Commissariato di via San Silvestro, asseritamente in stato di abbandono e privi di mezzi di sussistenza sul territorio nazionale, nonché di parenti che potessero prendersi cura di loro. Le indagini svolte dagli investigatori del Commissariato di Faenza hanno invece consentito di accertare che gli stessi sarebbero giunti in Italia accompagnati dai rispettivi padri, utilizzando per il viaggio collegamenti marittimi o aerei con la Grecia allo scopo di fare ingresso in Area Schengen dall’Albania, paese terzo d’origine, per eludere in tal modo i controlli della Polizia di frontiera italiana, che avrebbero potuto facilmente individuare anche la presenza dei loro accompagnatori. I genitori, appena lasciati i figli in Italia, hanno fatto subito rientro, questa volta con linea diretta sempre con collegamenti marittimi o aerei con l’Albania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A conclusione degli accertamenti investigativi sia i genitori che i figli minori sono stati denunciati, rispettivamente, alla Procura presso il Tribunale Ordinario di Ravenna e alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna per il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato in concorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento