menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladre esperte si spacciano per minorenni: arrestate dopo l'ennesimo taccheggio

Le due ragazze, senza documenti al momento dell'identificazione, hanno fornito agli agenti le generalità di due minorenni

Due taccheggiatrici nella rete degli agenti della Volante della Questura di Ravenna. Si tratta di una 24enne ed na 21enne di origini croate, la prima residente nel piacentino e la seconda nel bresciano, che dovranno rispondere delle accuse di furto aggravato, in concorso, possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli e falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri 

Le due sono state bloccate all'interno del negozio "Zara" di via Cavour dopo esser state sorprese con vestiti rubati per un valore di quasi 100 euro. L’addetto al controllo anti-taccheggio le ha inseguite dopo che, una volta uscite dal negozio, avevano attivato il sistema di antifurto. I capi erano stati danneggiati e non più vendibili in quanto erano state asportate parti delle placche antitaccheggio.

Perquisite in Questura, sono state trovate con cacciaviti, pinze, forbici da elettricista. Le due ragazze, senza documenti al momento dell'identificazione, hanno fornito agli agenti le generalità di due minorenni. Dagli accertamenti svolti, attraverso le impronte digitali ed il sistema A.F.I.S., sono emersi i nomi reali.

Entrambe sono risultate gravate da precedenti penali per furto in abitazione, rapina impropria, possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli e falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali. Per entrambe è scattato l'arresto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento