rotate-mobile
Cronaca Centro / Via Grado

Sono incinte all'ottavo mese e tentano di rubare in una casa: prese

Processata per direttissima, è stata condannata ad 8 mesi di reclusione con i benefici di legge. Immediatamente liberata, le è stato notificato il divieto di dimora nel comune di Ravenna emesso dal giudice

Incinta e all'ottavo mese di gravidanza, ha tentato di entrare in un appartamento con la complicità di una connazionale minorenne, anche lei in stato interessante. Una nomade croata di 20 anni è stata arrestata martedì dagli agenti della Volante della Questura di Ravenna. Processata per direttissima, è stata condannata ad 8 mesi di reclusione con i benefici di legge. Immediatamente liberata, le è stato notificato il divieto di dimora nel comune di Ravenna emesso dal giudice.

L'episodio è avvenuto in via Grado. Secondo quanto accertato dai poliziotti, le due nomadi sono salite al secondo piano di una abitazione, suonando ripetutamente il campanello. All’interno, in silenzio, la proprietaria le guardava dallo spioncino non rispondendo delle insistenze delle due donne. Quest'ultime, nella convinzione che non vi fosse alcuno all’interno dell’appartamento, hanno cominciato ad armeggiare con una spatola di plastica sul nottolino della serratura per tentare di aprire la porta.

Il cane della proprietaria, in silenzio fino a quel momento, ha cominciato ad abbaiare furiosamente mettendo in fuga le due ladre. Mentre facevano le scale, hanno incrociato i poliziotti chiamati nel frattempo da un vicino di casa che le aveva viste entrare nel palazzo. La ventenne è stata arrestato per tentato furto aggravato mentre la connazionale, in quanto minorenne, è stata affidata ad un centro per minori. Entrambe sono note per reati analoghi commessi in diverse province della nostra regione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sono incinte all'ottavo mese e tentano di rubare in una casa: prese

RavennaToday è in caricamento