rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca Brisighella

Lampioni accesi in pieno giorno, scoppia la polemica. Il sindaco: "Problema di linea, per risolverlo servono 100mila euro"

Tante polemiche sollevate alla Sagra del Monticino di Brisighella dai cittadini che si sono accorti che i lampioni del centro storico erano accesi in pieno giorno - nonostante il caro bollette che spesso costringe i Comuni a spegnerli anche di notte

Nel weekend a Brisighella si è svolta l'Antica Sagra del Monticino, tradizionale evento che affianca alle celebrazioni religiose tante iniziative organizzate dalla Pro Loco. Tanti i partecipanti, ma tante anche le polemiche sollevate dai cittadini che si sono accorti che i lampioni del centro storico erano accesi in pieno giorno - nonostante il caro bollette che spesso costringe i Comuni a spegnerli anche di notte. A spiegare quello che è successo è il sindaco Massimiliano Pederzoli.

"Gli impianti di pubblica illuminazione e le torrette di alimentazione dei mercatini sono state realizzate con una unica linea di alimentazione negli anni 2000, stesso periodo nella quale furono realizzati le torrette e le botole in ferro per tutti i pozzetti presenti nella zona pavimentata in pietra. - spiega il primo cittadino - Oggi dopo tanti anni abbiano i pozzetti sigillati che non si aprono, le torrette piegate e di cui si trovano a fatica i ricambi e la pubblica illuminazione accesa quando si accendono i quadri elettrici per i mercatini. Questa è la situazione. Stiamo facendo valutare dai tecnici per capire come poter procedere, anche visto il difficilissimo momento storico e l’esorbitante costo della luce. Ad oggi la risposta è che toccherebbe rimettere mano all'impianto primariamente sdoppiando le linee. Questo ha un costo non indifferente per i lavori edili, con rischio di dover rompere tratti della pavimentazione. Parliamo di cifre attorno ai 100.000 euro".

"Negli anni si è sempre rimandato il problema senza mai intervenire - accusa Pederzoli - Ad oggi, visto appunto i costi dell'energia e il conseguente spreco, non solo economico ma anche ambientale, stiamo facendo preparare uno studio e un progetto quanto prima, poi si valuterà in base ai costi che verranno dal progetto. Nello stesso studio dobbiamo anche prevedere delle torrette nuove e una migliore illuminazione della piazza Carducci. Dopo decenni dove non ci si è preoccupati del problema ci troviamo a dover, ora per allora, rimediare ai gravi errori del passato. Quando pensiamo allo sviluppo di una città, si deve sempre pensare a investimenti e interventi progettualmente già all’avanguardia, altrimenti è tempo, risorse e denaro sprecato. Detto questo, purtroppo è impossibile risolvere i tanti problemi in qualche mese, ma riusciremo anche questa volta nonostante le incertezze a portare soluzioni a vantaggio della collettività, come abbiamo sempre fatto. Le tante migliorie sono sotto gli occhi di tutti, un po’ di pazienza, passo dopo passo risolveremo certamente anche questo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lampioni accesi in pieno giorno, scoppia la polemica. Il sindaco: "Problema di linea, per risolverlo servono 100mila euro"

RavennaToday è in caricamento