Lampioni nel Borgo San Biagio, Ancisi: "Finalmente la luce, dopo anni di battaglie contro ladri e spacciatori"

Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna): "Abbiamo portato avanti dieci anni di battaglie"

"Questa è la lunga storia, finalmente a lieto fine, di tre lampioni invocati per dieci anni dai cittadini, tramite Lista per Ravenna, perché indispensabili alla sicurezza del proprio quartiere", interviene Alvaro Ancisi commentando l'arrivo dit re lampioni nel Borgo San Biagi. "La zona è quella su cui lanciammo il primo allarme pubblico documentato nell’agosto 2019. Da mesi bande di ladri e di spacciatori tenevano sotto scacco i cittadini del borgo San Biagio residenti nel “quadrilatero del terrore”, tra le vie Bargigia, Felisatti, F. Fabbri, Lovatelli, Morelli e Vallona, tra loro collegate. Di lì a poco successe la vicenda tragicomica di dieci famiglie del posto multate dalla polizia municipale perché, resosi inutile difendere le loro case installando telecamere, fari e allarmi di ogni genere, avevano posto del filo spinato sulle recinzioni che dividono i rispettivi giardini, oltrepassando le quali i malviventi riuscivano a penetrare anche nelle  camere da letto. Passato un anno, nulla ancora si è saputo sulle sacrosante richieste di annullamento di quei verbali".

Continua Ancisi: "Il 22 agosto, rivolgemmo all’amministrazione comunale un’istanza su quelle “Minacciose scorrerie ladresche”, ricordando come “strategica, per favorire le incursioni banditesche, nonché operazioni di spaccio” fosse appunto “la mancata illuminazione notturna di quello stradello pedonale e ciclabile posto a servizio della scuola Camerani, tra le vie Bargigia e Fabbri”. La vicenda risaliva addirittura all’estate 2010, quando, su pressione di Alessandro Garofalo, allora nostro consigliere territoriale del Centro Urbano, lo stradello, essendo pressoché impraticabile e allagato ad ogni acquazzone, venne opportunamente asfaltato e dotato di fogne per l’acqua piovana".

Ancisi prosegue: "Il Comune però, pur avendo predisposto i cavidotti e i pozzetti per accogliere i cavi elettrici ed i pali dell’illuminazione pubblica, non installò mai i tre lampioni mancanti. Non lo fece neppure quando Garofalo stesso, il 29 ottobre 2015, tornò a sollecitarli a seguito di episodi con spaccio di droga. Il 29 ottobre 2019, cittadini del posto scrissero a Lista per Ravenna come quei tre tre lampioni fossero più che necessari. I residenti rimangono al buio per mancanza di illuminazione pubblica, stressati da mesi di scorribande dei ladri e dalla scarsissima attenzione delle autorità comunali nei confronti del tema della sicurezza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, evidenzia Ancisi "Un primo segnale (letteralmente) di luce si ebbe quando Lista per Ravenna, dopo l’ennesimo inutile sollecito, chiese ufficialmente all’ufficio Illuminazione pubblica del Comune di conoscere quanto costasse installare quei tre lampioni, ricevendo notizia che “il costo complessivo presunto per rendere l'impianto funzionante è di €. 4.500 IVA esclusa”. Non serviva neanche un progetto. Avendo minacciato di fare una colletta, ci fu detto che li avrebbero impiantati in primavera, quando però ci si è mezzo di mezzo il covid. Ma alle 22.53 di mercoledì scorso ci è arrivato dai residenti il “Fiat lux”: “Finalmente hanno  messo i tre lampioni nello stradello a lato della scuola Camerani! Ci sono voluti più di 10 anni di proteste, richieste, suppliche. Finalmente però adesso si vede bene la sera. Speriamo che la luce sia un deterrente contro lo spaccio degli stupefacenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento