Cronaca

Lancia secchiate d'acqua sui passanti: gli agenti entrano in casa e trovano una katana

L’intervento degli agenti è nato dalle segnalazioni di alcuni passanti, che lamentavano di essere stati colpiti da secchiate d’acqua

La Polizia locale dell’Unione della Romagna faentina nei giorni scorsi ha denunciato un 52enne faentino per detenzione di armi non autorizzata, in violazione all’articolo 697 del Codice Penale. L’intervento degli agenti del comando di via Baliatico è nato dalle segnalazioni di alcuni passanti, che lamentavano di essere stati colpiti da secchiate d’acqua partite da una finestra di un’abitazione al primo piano di un palazzo in pieno centro storico.

Dalla centrale operativa del Comando della Polizia locale sul posto è stata inviata una pattuglia per verificare quanto stava accadendo. A compiere l’insano gesto era una vecchia conoscenza delle forze di polizia, il 52enne poi denunciato. L’uomo, in evidente stato di alterazione psicofisica, neppure di fronte agli agenti ha smesso nei suoi lanci d’acqua verso i passanti.

Per superare l’impasse, è stato quindi necessario chiedere l’autorizzazione al magistrato di turno a poter entrare in casa dell’uomo in maniera coattiva. Con l’ausilio dei Vigili del fuoco che hanno forzato la porta d’ingresso, gli agenti della polizia dell’Unione sono riusciti a entrare nell’appartamento.

Una volta in casa del 52enne i vigili hanno immediatamente notato la copia di una katana, la leggendaria sciabola usata dai samurai giapponesi, con un’affilatissima lama di circa 60 centimetri. L’arma è stata sequestrata e l’uomo è stato accompagnato al pronto soccorso. Nei suoi confronti è poi scattata una denuncia per porto d’arma abusivo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lancia secchiate d'acqua sui passanti: gli agenti entrano in casa e trovano una katana

RavennaToday è in caricamento