Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Lavorava in nero da 4 anni per mille euro al mese e in condizioni poco sicure

Nelle fasi del controllo sono stati eseguiti rilievi fotografici ai luoghi di lavoro come dormitorio/annessi stanzini per il ristoro/attrezzature e macchinari

Immagine di repertorio

Lavoro e retribuzioni "in nero" per oltre 4 anni, evasione contributiva e criticità sulla sicurezza: è quanto hanno accertato gli ispettori del lavoro di Ravenna - civili e militari - a seguito di una segnalazione riguardante un'impresa artigiana di costruzioni meccaniche nel territorio ravennate.

Nel corso del controllo è stato trovato un lavoratore extracomunitario completamente in nero e, dagli accertamenti, è emerso che lo stesso lavorava come addetto alle riparazioni e manutenzioni da circa 4 anni (dal 2017 al 2021) senza aver firmato alcun contratto di lavoro. Dai riscontri eseguiti, gli ispettori hanno verificato che il lavoratore percepiva uno stipendio di circa 1.000 euro in contanti e senza alcun tracciamento bancario; inoltre, nelle fasi delle verifiche è stata anche elevata la sospensione dell’attività di impresa per occupazione di manodopera irregolare.

Si è poi accertata anche un'evasione contributiva per importi pari a 60mila euro e sono state comminate sanzioni per 78mila euro. Nelle fasi del controllo sono stati eseguiti rilievi fotografici ai luoghi di lavoro (dormitorio/annessi stanzini per il ristoro/attrezzature e macchinari) e verifiche approfondite sulla sicurezza e salubrità dei luoghi di lavoro, anche sul rispetto della normativa anticovid.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavorava in nero da 4 anni per mille euro al mese e in condizioni poco sicure

RavennaToday è in caricamento