rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca Lugo

Lugo, nella notte tra mercoledì e giovedì lavori alla rete idrica di Romagna Acque

L’intervento interessa le utenze idropotabili dei Comuni di Lugo, Bagnacavallo, Alfonsine, Fusignano, Russi e Cotignola. Romagna Acque-Società delle Fonti spa (in collaborazione con Hera Spa) metterà in campo tutti i volumi e le risorse integrative necessarie a garantire la normale erogazione del servizio anche in questa fascia

Da mercoledì sera, alle 22, a giovedì, alle 6, è in programma un intervento compreso nei lavori necessari a rendere operative le nuove condotte di interconnessione dell’Acquedotto della Romagna con l’area ravennate. L’intervento interessa le utenze idropotabili dei Comuni di Lugo, Bagnacavallo, Alfonsine, Fusignano, Russi e Cotignola. Romagna Acque-Società delle Fonti spa (in collaborazione con Hera Spa) metterà in campo tutti i volumi e le risorse integrative necessarie a garantire la normale erogazione del servizio anche in questa fascia; tuttavia, nel corso della notte e delle ore immediatamente susseguenti, la fornitura nella zona potrebbe subire alcune variazioni della torbidità e/o o riduzioni di pressione, che non altereranno comunque le caratteristiche di potabilità dell’acqua erogata.

Romagna Acque garantisce peraltro il massimo sforzo dei propri operatori per limitare al minimo le eventuali variazioni di erogazione. L’intervento, come sopra indicato, si inserisce nel più ampio progetto di realizzazione, nella zona Standiana, a sud di Ravenna, del nuovo potabilizzatore (NIP2), che rappresenta il fulcro del Piano decennale degli investimenti di Romagna Acque, e che dovrebbe entrare in funzione nel corso del 2015. Per permettere il collegamento del nuovo impianto con le condotte della Bassa Romagna, è stata realizzata una nuova cabina di derivazione, adiacente la condotta esistente presso il nodo di Lugo-Cotignola. E l’intervento che sarà condotto nella notte fra l’11 e il 12 febbraio, è  appunto finalizzato al collegamento di tale cabina  con le condotte esistenti.

Riguardo al nuovo potabilizzatore in via di realizzazione alle porte di Ravenna, esso utilizzerà acqua proveniente dal Cer (ovvero dal Po), e ne potabilizzerà le acque grazie a tecnologie all’avanguardia, con un elevatissimo livello qualitativo della risorsa potabilizzata. A regime, si tratta di un impianto che potrà fornire più di un terzo dell’acqua oggi potabilizzata da Ridracoli: e servirà non soltanto Ravenna, bensì le aree settentronali della Romagna (Lugo Alfonsine, Cotignola, Bagnacavallo) e quelle meridionali, soprattutto costiere, da Cervia fino a Cesenatico. Tutto ciò in linea con l’obiettivo del progetto Società delle Fonti, ovvero diversificare le varie fonti di approvvigionamento idrico in Romagna, puntando a utilizzare sempre più acqua di superficie al posto di acqua di falda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lugo, nella notte tra mercoledì e giovedì lavori alla rete idrica di Romagna Acque

RavennaToday è in caricamento