menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le mille firme della petizione per salvare la piscina arrivano in Commissione

Lunedì pomeriggio nella sala del Consiglio comunale in piazza del Popolo a Ravenna verrà presentata e discussa le petizione lanciata dal meetup 'A riveder le stelle' “Giù le mani dalla piscina comunale!”

Lunedì pomeriggio nella sala del Consiglio comunale in piazza del Popolo a Ravenna verrà presentata e discussa le petizione lanciata dal meetup 'A riveder le stelle' “Giù le mani dalla piscina comunale!”, che chiede il recupero e la manutenzione dell’attuale piscina comunale, in luogo del progetto di abbattimento e ricostruzione.

"Nelle settimane in cui ci siamo impegnati per la raccolta firme, con tanti banchetti effettuati proprio davanti alla nostra piscina, abbiamo raccolto le preoccupazioni e l’incredulità di moltissimi utenti - spiegano dal meetup - Ora, dopo tante critiche, il progetto iniziale di demolizione della struttura attuale sembrerebbe essere stato modificato, e questo è già un successo per gli oltre 1000 cittadini che hanno sottoscritto la petizione, ma permangono ancora tanti dubbi sulla fine che farà la vecchia piscina co-progettata da uno dei più noti ingegneri strutturisti internazionali, Massimo Majovieski. Stando a quanto dichiarato da Lista per Ravenna, inoltre, sembrerebbe del tutto fuorilegge indicare l’attuale proposta di ArCo Lavori come una semplice variante del precedente project financing, in quanto consisterebbe invece in nuovo progetto che interessa un’area differente e non correlabile con il progetto iniziale di demolizione e ricostruzione sopra le vecchie vasche. Su questo e altro cercheremo di fare chiarezza durante la discussione della petizione e vedremo in che modo l’amministrazione accoglierà le richieste degli oltre 1000 cittadini che, molto semplicemente, chiedono il recupero e l’adeguamento senza demolizione dell’esistente, che il Comune valuti le gestione pubblica per diminuire i costi all’utenza, e che, se necessaria, una nuova piscina venga costruita altrove, con regolare concorso e usufruendo di finanziamenti pubblici. Da quel che appare, infatti, un investimento per una nuova piscina olimpionica senza possibilità di sviluppo come quello all’orrizzonte risulta incompatibile per gli spazi esigui a disposizione attorno all’impianto attuale, quando invece la città necessiterebbe di una migliore distribuzione dell’offerta di acqua anche in altri quartieri. Senza mai dimenticare l’importanza della diffusione dello sport per i giovani e per tutti i cittadini. La commissione è aperta alla cittadinanza, invitiamo tutti a partecipare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento