Legambiente contro il deposito di gas gnl: "Preoccupati per il traffico navi nel porto canale"

Le perplessità di Legambiente non sorgono tanto dal deposito in sè, la cui realizzazione e le condizioni di sicurezza sono state subordinate ai controlli delle autorità regionali

Ormai i giochi sono fatti, ma il progetto della Depositi Italiani Gnl (detenuta da Pir ed Edison) continua a non convincere Legambiente. "E’ di qualche giorno fa la notizia dell’entrata in funzione del deposito da 20mila metri cubi per ottobre 2021 - spiegano gli ambientalisti - Un progetto che fu contestato non solo da noi, ma anche dalla comunità locale per l’importante vicinanza con il centro abitato e zone sensibili, ma su cui gli industriali non vollero sentire ragioni insieme al benestare del sindaco Michele de Pascale. Oltretutto, il progetto trovò l’approvazione in consiglio con una forzatura ottenendo una deroga alle disposizioni urbanistiche per la possibilità di realizzare i depositi ad altezze altrimenti non consentite".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le perplessità di Legambiente non sorgono tanto dal deposito in sè, la cui realizzazione e le condizioni di sicurezza sono state subordinate ai controlli delle autorità regionali: "Le preoccupazioni maggiori rimangono su quello che sarà la modifica del traffico navi del porto canale, che dovrà oltretutto ospitare il passaggio di enormi gasiere per le operazioni di carico e scarico del gas naturale liquefatto a poche centinaia di metri dal centro abitato - spiegano gli ambientalisti - Ancora meno convincente è la destinazione di questo combustibile che, se da un lato può migliorare le condizioni emissive del traffico navale per quanto riguarda ossidi di azoto e ossidi di zolfo, in realtà la principale destinazione è quella per alimentare camion merci, quindi il traffico su gomma. Sicuramente è necessario intervenire sulle emissioni del trasporto su gomma, ma la vera alternativa deve essere il ferro. Diversamente, deve essere maggiore la priorità sulle mitigazione degli impatti delle emissioni del trasporto navale. Infatti, secondo le dichiarazioni di Alessandro Gentile, amministratore delegato della Depositi Italiani Gnl, si tratta di solo un 30% di combustibile a destinazione navale, mentre il restante 70%  sarà destinato al traffico su gomma quando l’obiettivo deve essere quello di spostare le merci su ferro. Inoltre, la necessità di trasportare il Gnl alla rete di distribuzione locale porterà a un incremento del traffico di camion, in particolare sulla via Baiona, come già sollevato e discusso qualche anno fa. Grande soddisfazione quindi dal mondo economico in quanto si tratta del primo progetto che entrerà in funzione in Italia. Un primato che si accosta a quello mondiale su Ravenna hub per lo stoccaggio della  CO2. Tutte iniziative comunque vincolate al fossile, che non fanno presagire effettive intenzioni di rispondere agli obiettivi climatici a breve termine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento