Nel Ravennate oltre 23mila sì alla legittima difesa e la raccolta continua

I numeri dei Comuni del comprensorio. Le adesioni per la proposta di legge dell'Italia dei Valori si possono ancora raccogliere

Dopo il clamoroso successo, con oltre un milione e duecentomila sottoscrizioni in tutta Italia, la raccolta firme per la legittima difesa è ripresa (dal sei giugno) e andrà avanti ancora fino al 16 luglio nelle stesse modalità con cui è stata portata avanti fino ad oggi. In Romagna, il numero di persone che ha firmato la proposta di legge dell'Italia dei Valori è stato altissimo con numeri record, a livello nazionale, per Ravenna e il Ravennate con ben 23.331 adesioni (dato al 20 giugno). Segno che la questione della sicurezza è diventata ormai prioritaria, conseguenza quasi scontata delle continue ondate di furti e razzie in case ed aziende.

Secondo i dati forniti dal Comitato romano dell'Idv, promotore della raccolta, a Ravenna (ma il dato è in continua evoluzione) sono circa 14mila di cui già certificate 9842. A Faenza le firme certificate sono 2258, a Lugo 2.255, Bagnacavallo 1.383, Alfosine 1.056, Brisighella 822 così come Cervia, Fusignano 737, Conselice 779, Cotignola 666, Riolo 606, Massa Lombarda 605, Misano 507, Bagnara 293, Sant'Agata 265, Solarolo 221, Casola 214.

“La nostra proposta - ricorda Ignazio Messina coordiatore nazionale dell'Idv - vuole consentire a chi è aggredito nella propria abitazione, o nel proprio negozio, di difendersi più liberamente. Vogliamo poi cancellare la possibilità per il ladro di poter citare per danni l’aggredito, una beffa prevista attualmente dalla legge vigente. Noi vogliamo difendere le persone oneste e mandare in galera i delinquenti”. Non un far west, sottolinea l'Idv, ma leggi e pene certe per chi delinque proprio per evitare che il senso di insicurezza degli italiani straripi in ondate di giustizieri fai-da-te.

Nello specifico la proposta di legge depositata in Cassazione prevede pene più severe in caso di violazione di domicilio con il raddoppio delle sanzioni (oggi il massimo è di tre anni e si chiede di portali a sei) e dando di fatto ai cittadini la possibilità di difendersi. Si prevede infatti di escludere l’eccesso di legittima difesa in caso di reazione della vittima e ogni responsabilità per danni subiti da chi volontariamente si introduce nei domicili altrui. Fattispecie oggi previste e ampiamente utilizzate da chi delinque.

La prima tranche di firme (oltre 1,2 milioni contro le 500mila richieste) è stata consegnata e di fatto l'Iter parlamentare è già iniziato. Probabilmente la proposta di legge sarà messa nel calendario di lavoro delle commissioni parlamentari già prima della pausa estiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si può firmare negli uffici comunali dei propri Comuni di residenza muniti di un documento di identità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento