Lettera delle 'Nuove Brigate Rosse' anche a Bonaccini: "Minacce indegne"

Anche il presidente della Regione Emilia-Romagna ha ricevuto nei giorni scorsi di una lettera firmata 'Nuove Brigate Rosse' in cui si lanciano folli accuse e promesse di atti violenti verso le comunità

Anche il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, come il sindaco di Ravenna Michele de Pascale e altri primi cittadini emiliano-romagnoli, ha ricevuto nei giorni scorsi di una lettera firmata 'Nuove Brigate Rosse' in cui si lanciano folli accuse e promesse di atti violenti verso le comunità in merito alle restrizioni portate dal dpcm.

"Diversi sindaci in questi giorni hanno ricevuto lettere di minaccia indegne. Una simile lettera è stata recapitata anche a me e prontamente ho contattato le autorità competenti - spiega Bonaccini - Come ribadito martedì mattina al sindaco di Ferrara, anche a Gian Carlo Muzzarelli sindaco di Modena, Andrea Gnassi sindaco di Rimini, Michele De Pascale sindaco di Ravenna e Gian Luca Zattini sindaco di Forlì vanno la solidarietà e la vicinanza mia e di tutta la Regione. Istituzioni e comunità regionale stiano unite contro chi semina odio. Mi auguro vengano individuati prima possibile i responsabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • "Babbo, da dove viene la mia famiglia?": e lui ricostruisce 7 secoli di parenti in tutto il mondo

Torna su
RavennaToday è in caricamento