menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta a gioco d'azzardo: nuovi negozianti col marchio 'Slot Free'

Per incentivare la dismissione delle slot machine, l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha avviato la campagna destinata a tutti gli esercenti che hanno macchine per il gioco

Continua la consegna dei marchi “Slot freE-R” agli esercenti dei Comuni della Bassa Romagna che hanno aderito alla campagna "Stop slot", promossa dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna con il contributo della Regione Emilia-Romagna. Per incentivare la dismissione delle slot machine, l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha avviato la campagna destinata a tutti gli esercenti della Bassa Romagna che hanno macchine per il gioco nei loro locali, prevedendo una serie di contributi per tutti gli esercenti che decideranno di aderire.

Le informazioni e i materiali inerenti al bando dell’Unione sono stati consegnati personalmente a circa 140 attività e i primi risultati non si sono fatti attendere. Ogni giorno aumentano le consegne effettuate agli esercenti virtuosi che hanno deciso di rimuovere macchine come slot machines e terminali di videolottery e ottenere così la vetrofania "Slot free ER" da esporre nel proprio negozio per rendere riconoscibile l’azione di sostegno pubblico e attestare l’assenza di apparecchi dedicati al gioco d’azzardo. Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale di Bagnacavallo ha effettuato le consegne agli esercenti del territorio. A ricevere le vetrofanie sono stati a Bagnacavallo Paone Valeria per Orange Caffè, Antonella Cafiero per Nella & Luis, Roberta Brusi e Alessandra Zannoni per La Voglia Matta, Albonetti Pamela per Caffè del Teatro; A Villa Prati Marika Morelloni per Caffè il Ponte.

Slot free ER è un progetto della Regione Emilia-Romagna finalizzato al contrasto del gioco d’azzardo negli esercizi pubblici (ad esempio bar, pub e circoli) e alla rimozione degli apparecchi da gioco. L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha aderito al progetto sin dal suo avvio, rinforzando l’attività con la campagna Stop Slot a cui seguirà nei prossimi mesi una campagna sociale contro la ludopatia, problema sempre più diffuso, soprattutto tra i più giovani. L’obiettivo è quello di porre un freno ad una sempre più dilagante ludopatia e ridurre l’impatto e le ricadute sulla collettività in termini di costi, sicurezza e legalità. La consegna delle vetrofanie continuerà nelle prossime settimane anche negli altri Comuni della Bassa Romagna. Tutte le informazioni su come aderire a Stop slot e ottenere i contributi sono disponibili sul sito dell’Unione dei Comuni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento