rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Consigli per arginare l'opera dei truffatori: carabinieri nei mercati e nelle fiere

L'opera dei militari si concretizza anche distribuendo pieghevoli nei mercati settimanali e le fiere, per ultima quella del Viale Alberti di Ravenna, dove gli stessi si sono soffermati ad illustrarne il contenuto alle persone più anziane

Continua incessante l’opera di prevenzione dei Carabinieri di Ravenna nell’ambito dell’iniziativa portata avanti dal comando provinciale dell'Arma con il contributo delle amministrazioni locali e le associazioni di categoria con la diffusione di utili consigli per difendersi in caso di presunti raggiri e truffe. L’opera dei militari si concretizza anche distribuendo pieghevoli nei mercati settimanali e le fiere, per ultima quella del Viale Alberti di Ravenna, dove gli stessi si sono soffermati ad illustrarne il contenuto alle persone più anziane.

I carabinieri forniscono semplici norme di comportamento che evitano di finire nelle grinfie di malintenzionati in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici ma anche a mezzo telefono. Vengono anche illustrate le tecniche delle truffe più diffuse a cui se ne è aggiunta un’altra verificatasi lunedì tra i comuni di Alfonsine e Russi. Questo il modus operandi da copione: un falso addetto dell’azienda per la lettura dei contatori dell’acqua si presenta a casa di un anziano solo, e si fa aprire.Mentre è intento ad effettuare la lettura sostiene che c’è una fuga di gas in zona che si propaga attraverso le condutture idriche. Chiede pertanto di aprire una fontana e di nascosto, per dare credito a quanto asserito, usa verosimilmente una cosiddetta “fialetta puzzolente” facendo spandere nell’aria un forte odore acre.

A questo punto la vittima, presa dal panico, è completamente assorta dalle chicchere del furfante che, dapprima, chiede di staccare le prese di corrente a tutti gli elettrodomestici e poi di verificare l’oro ed i gioielli che sono in casa poiché questi, con quel tipo di gas, “possono prendere fuoco”. La vittima, frastornata dal racconto sulla pericolosità e gravita della situazion,e consegna al truffatore i gioielli e si fa da parte per consentire a questo di operare la bonifica dell’area, dandogli così la possibilità di fuggire indisturbato.

"É importante ricordare che non sussiste l’obbligo di far entrare in casa operatori o funzionari, pubblici o privati si può sempre verificare preventivamente la reale identità di chi si presenta a casa, telefonando direttamente all’ente a cui dicono di appartenere - evidenzia l'Arma -. Nell’eventualità si intuisca di essere di fronte ad un potenziale raggiro si deve richiedere l’immediato intervento, tramite il 112, delle forze dell’ordine a cui è prudente rivolgersi anche per segnalare comportamenti sospetti e per denunciare situazioni di pericolo". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consigli per arginare l'opera dei truffatori: carabinieri nei mercati e nelle fiere

RavennaToday è in caricamento