rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca Lugo

Nuova scuola dell'infanzia, un auditorium e la Pungèla: come cambierà Lugo con i progetti del Pnrr

L’anno che verrà a Lugo sarà però all’insegna delle grandi progettualità finanziate e non dal Pnrr. Le candidature hanno comportato “uno straordinario sforzo progettuale che ha dato risultati importanti” secondo il sindaco Ranalli

Un anno particolare e varie progettualità sul 2023. La conferenza stampa di fine anno del sindaco di Lugo Davide Ranalli è servita a tracciare un bilancio a tutto tondo sul periodo attuale e sullo sviluppo futuro della città. Ingenti e strategici infatti sono gli investimenti e le opere che l’Amministrazione lughese metterà in campo nel 2023. Con una premessa: “La situazione che stiamo attraversando - ha spiegato il primo cittadino - è complicata ed inedita. Dopo due anni di pandemia e di Covid c’è stato l’aumento dell’inflazione, dei costi e dei beni di prima necessità a cominciare dai generi alimentari, ma anche le materie prime e l’energia. La situazione è complicata da gestire, per l’impatto molto forte sulle famiglie e sul sistema produttivo del nostro territorio”.

Una premessa propedeutica alla spiegazione delle scelte dell’Amministrazione comunale, impegnata da qualche anno nella riduzione del debito comunale. “Abbiamo cercato di contenere i costi con la delibera per la sostituzione degli impianti con quelli a illuminazione led - ha sottolineato Ranalli -, decisione a cui è seguito lo spegnimento totale dell’illuminazione che vedrà una sospensione nel periodo delle vacanze natalizie. Se il comune vuole chiudere il bilancio in funzione delle crescenti difficoltà che si stanno determinando bisogna evitare spese nella parte corrente e attutire l’aumento dei costi. In questo quadro pesa in misura positiva il grande sforzo che l’amministrazione ha messo in campo per la riduzione del debito del comune. Nel corso di questi anni infatti, in modo non sempre semplice, abbiamo fortissimamente ridotto l’indebitamento e alla luce di questo alleggerimento possiamo proseguire nelle politiche attuali”.

Nuovi progetti per la Lugo del futuro

L’anno che verrà a Lugo sarà però all’insegna delle grandi progettualità finanziate e non dal Pnrr. Le candidature hanno comportato “uno straordinario sforzo progettuale che ha dato risultati importanti” secondo il sindaco, e anche se le opere vedranno la luce solo nei prossimi anni (2026 su tutti) avranno, secondo l’Amministrazione, un impatto diretto e indiretto sulla città. A cominciare dall’efficientamento energetico di Palazzo Rossi, che costerà oltre 1 milione di euro e che “migliorerà la qualità degli uffici dell’Unione e del Comune rendendo più facile la vita dei cittadini”.

Per poi arrivare ai tre grandi progetti Pnrr: Palazzo del Carmine, la Pungella e il nuovo Cinema-Auditorium. “Rigenereremo il patrimonio della nostra comunità” ha detto Ranalli. Per quanto concerne Palazzo del Carmine, il restauro della parte programmata ammonterà a 300mila euro. La Pungèla di Villa San Martino costerà invece 600mila euro e si tratta di un intervento che i cittadini richiesero nel 2019. “Mi preme sottolineare che nel 2019 - ha evidenziato il sindaco - ci fu una consulta tesa nella quale i cittadini si erano organizzati per ‘salvare’ la Pungèla. In quell’incontro l’amministrazione si pose con un atteggiamento che oggi si dimostra serio e concreto: non seguimmo le ragioni del comitato, ma dicemmo che le risorse per l’intervento molto costoso rispetto alla strategicità non c’erano. Lasciammo però quell’incontro con una promessa, ovvero qualora si fossero determinate le condizioni per la partecipazione ai bandi specifici ci saremmo candidati. Oggi vediamo il progetto con il rendering. Un intervento da 600mila euro che consente una riqualificazione anche sul piano della sicurezza”.

Sempre a Villa San Martino sono previste altre due opere: il percorso ciclabile che collegherà la frazione alla città e la riqualificazione energetica del Centro Sociale per cui i lavori sono già stati affidati. “Ci piacerebbe che diventasse un luogo di aggregazione, non solo per la frazione, ma anche per la città attraverso la ciclabile che è in via di definizione progettuale”. Funzione aggregativa e polivalente l’avrà anche il nuovo Cinema-Auditorium: “Abbiamo ragionato su un Auditorium che avesse una funzione polivalente. Una sala per ospitare non solo convegni, ma tra le funzioni future anche la possibilità di essere adibita alla visione dei film. Dopo anni di discussione sul futuro dell’auditorium finalmente possiamo dire che a breve inizieremo i lavori”. Il nuovo auditorium lughese costerà oltre 2 milioni di euro già finanziati.

Il progetto di cui l’Amministrazione va più orgogliosa è però la nuova scuola dell’infanzia nella zona Corelli. Un progetto da 3 milioni di euro più 500mila di progettazione: “Il nuovo asilo per l’infanzia è l’intervento di cui forse andiamo più fieri - ha specificato Ranalli -. Il progetto è stato realizzato dall’architetto Alessandro Bucci. Questa scuola avrà tutte le caratteristiche che servono oggi e che sono utili per ospitare i bambini della nostra comunità. Sarà autosostenibile, ci sarà risparmio energetico e verrà collocato nella zona del Corelli che aumenterà la potenzialità vista la vicinanza con la scuola Corelli. Per noi è molto importante questo progetto architettonico, perchè saranno presenti anche elementi di carattere pedagogico”.

Nel corso della conferenza stampa c’è stato spazio anche per l’approfondimento di altre opere, non solo manutentive, del verde e delle strade. Come le vasche di laminazione di Lugo Sud “che metteranno in sicurezza il quartiere”, la nuova casa della salute lughese il cui iter si concluderà l’anno prossimo, il completamento e gli investimenti sul Pronto Soccorso con i lavori prossimi alla conclusione e gli impegni di Rete Ferroviaria Italiana relativi all’accordo per l’ampliamento della linea Bologna-Ravenna che “si realizzeranno se non ci saranno intoppi” e che porteranno a tre interventi: un sottopasso, un cavalcavia e un passaggio pedonale in sostituzione dei passaggi a livello di Zagonara e via Piano Caricatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova scuola dell'infanzia, un auditorium e la Pungèla: come cambierà Lugo con i progetti del Pnrr

RavennaToday è in caricamento