menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, Bassa Romagna ancora martoriata dalla grandine: chicchi grandi come noci

La grandine è tornata a picchiare forte in aree già martoriate dal maltempo. I chicchi, anche del diametro di cinque centimetri, hanno colpito una zona compresa tra Lugo e Bagnacavallo, ed un'altra sulla costa cervese

Buona parte della Bassa Romagna e del litorale ravennate e cervese sotto attacco. La grandine è tornata a picchiare forte lunedì pomeriggio in aree già martoriate  nelle scorse settimane dal maltempo. I chicchi, anche del diametro di cinque centimetri, hanno colpito una zona compresa tra Lugo, Bagnacavallo, Cotignola, Massa Lombarda, Fusignano, Alfonsine, ma nelle zone di Russi, Solarolo, Santerno, Glorie e Mezzano. Segnalati simili fenomeni anche nel litorale cervese.

Notevoli i danni causati dai chicci grandi come noci, che, oltre ad aver danneggiato le colture, ha ammaccato anche le carrozzerie e infranto i vetri di diversi mezzi. Alcuni alberi sono capitolati sotto la bufera. Sono tante le pattuglie della Polizia Locale della Bassa Romagna che sono state impegnate in interventi d'emergenza insieme ai gruppi comunali di Protezione Civile. Diverse le chiamate giunte alla sala operativa dei Vigili del Fuoco per segnalazioni di alberi e rami pericolanti o crollati e tetti danneggiati.  Sono un'ottantina gli interventi svolti, tra cui anche un incidente senza grosse conseguenze fisiche a Camerlona.

Maltempo - Il video della grandinata

La Protezione Civile per la giornata di lunedì aveva diramato un'allerta "gialla" per temporali; maltempo che si è puntualmente materializzato nel pomeriggio con forti rovesci di pioggia e raffiche di venti che hanno sfiorato i 90 chilometri orari a Porto Corsini. La sfuriata ha determinato un sensibile abbassamento delle temperature, passate da una massima tra 28 e 30°C a valori oscillanti intorno ai 20°. Ad innescare l'intenso temporale un nocciolo di aria fredda sceso dall'Atlantico, che si è scontrato con masse di aria calde e umide. In Romagna il fronte freddo ha attivato diverse celle temporalesche, le più intense nel lughese.

Per quanto riguardo gli accumuli di pioggia, sono caduti oltre 20 millimetri a Boncellino, oltre 33 millimetri a Villaprati (Bagnacavallo) e oltre 34 millimetri a San Romualdo. Non sono mancati alcuni allagamenti per il mancato assorbimento delle acque da parte dei tombini. A Cervia sono caduti oltre 20 millimetri di pioggia, mentre a Marina di Ravenna la rete di stazioni meteo associata ad Emilia Romagna Meteo ha registrato poco pià di 22 millimetri di precipitazioni. La fase più intensa del temporale è durata una decina di minuti. E martedì si replica e i fenomeni potrebbero essere anche più violenti: l'allerta diramata è arancione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento