rotate-mobile
Cronaca

“Francesco tra i lupi”, Marco Politi lunedì a Lugo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Marco Politi, editorialista del “Fatto Quotidiano”, si occupa di questioni vaticane e religiose dal 1971. Dopo aver lavorato a Il Messaggero, è stato per 17 anni, dal 1993 al 2009, vaticanista de la Repubblica. In precedenza, dal 1987 al 1993, è stato corrispondente  da Mosca dove ha fondato la prima Associazione corrispondenti esteri dell'Urss, di cui è stato due volte presidente. Collabora regolarmente con ABC, CNN, BBC e altri network internazionali. Autore di numerose inchieste, nei due conclavi del 1978 ha individuato, attraverso una serie di interviste ai cardinali-elettori, l'identikit del "papa pastore", destinato a caratterizzare il profilo di Karol Wojtyla. Ha seguito Giovanni Paolo II e Benedetto XVI in più di ottanta viaggi intorno al mondo. Nell'aprile 2012 la Facoltà teologica cattolica dell'università di Muenster, dove era stato docente Joseph Ratzinger, lo ha invitato a tenere una "lectio" sul tema: “Un Papa nella crisi”. Con la sua ultima opera, "Francesco tra i lupi. Il segreto di una rivoluzione", Laterza 2014, ha evidenziato l'esistenza di una forte opposizione alle riforme del papa argentino nella curia vaticana e nelle conferenze episcopali. Sarà a Lugo per presentare il suo libro lunedì 25 gennaio, alle ore 21, presso l’Ala D’Oro. Nella sua carriera Politi è stato vicesegretario della Federazione nazionale stampa italiana, impegnandosi negli anni Ottanta per la contrattualizzazione dei giornalisti delle radio libere. Al ritorno da Mosca è stato eletto ripetutamente consigliere nazionale e presidente della Commissione giuridica dell'Ordine dei giornalisti. “Francesco tra i lupi. Il segreto di una rivoluzione” è la sua ultima opera; nel 2011 aveva scritto “Joseph Ratzinger. Crisi di un papato”. Il programma di Governo di Bergoglio si discosta da molti suoi predecessori. Per Papa Francesco il vero padrone della Chiesa è Cristo, non certo lui, Ma quanti sono a suo parere i Cardinali che la pensano allo stesso modo? E’ una rarità questa tipologia di pensiero nel mondo della Chiesa? “Anche per molti cardinali-elettori la carica innovatrice di Francesco è stata una sorpresa. Volevano un Papa che facesse pulizia nella banca vaticana- ha detto Politi- che snellisse la macchina della Curia, che avesse maggiori rapporti con i vescovi. Ma non si aspettavano un pontefice che agisse con determinazione per una Chiesa non imperiale, una Chiesa ospedale da campo che sta accanto all’umanità contemporanea, una Chiesa povera per i poveri, dove le donne dovranno occupare posti di responsabilità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Francesco tra i lupi”, Marco Politi lunedì a Lugo

RavennaToday è in caricamento