Il premio Nobel 2007 per la medicina Mario Capecchi a Ravenna

“Sono contento di essere ospite di una città così bella e accogliente, che non avevo mai avuto modo di visitare. Era un mio sogno, spero di poter tornare presto”, ha detto Capecchi visibilmente soddisfatto

Un grande personaggio della ricerca mondiale è stato oggi in visita a Ravenna. Mario Capecchi, premio Nobel 2007 per la medicina, veronese di nascita ma statunitense di adozione fin da bambino, ha scelto martedì di trascorrere alcune ore a Ravenna mentre stava svolgendo una serie di lezioni accademiche in collaborazione con l’Università di Bologna. La possibilità di soddisfare il desiderio del professore, accompagnato a Ravenna da un gruppo di colleghi iraniani e da alcuni giovani studenti sardi, è stata soddisfatta grazie all’impegno organizzativo della cooperativa Eta Beta e al sostegno di Unipol, cooperativa Zerocento, Comune di Ravenna e Lega delle Cooperative. Capecchi è stato ospite a pranzo ai “Passatelli” di Via Ponte Marino – alla presenza di diverse personalità cittadine, fra cui il direttore generale del Comune, Carlo Boattini - e quindi ha visitato i principali monumenti cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono contento di essere ospite di una città così bella e accogliente, che non avevo mai avuto modo di visitare. Era un mio sogno, spero di poter tornare presto”, ha detto Capecchi visibilmente soddisfatto. Nato nel 1937 a Verona, Capecchi si trasferì negli Stati Uniti subito dopo la fine della guerra seguendo la madre, un’artista statunitense che era stata deportata a Dachau come prigioniera politica. Laureato in Chimica e Fisica, ha insegnato prima ad Harvard e poi, dal 1973, alla Università dello Utah, atbilendosi definitivamente a Salt Lake City. Nel 2007, assieme a due colleghi, è stato insignito del Nobel per la medicina grazie agli studi di genetica su tecniche cosiddette di “gene targeting”, messe a punto attraverso l’utilizzo di cellule staminali embrionali: una tecnica che sta contribuendo in modo significativo allo studio di molte malattie come il cancro, oltre che allo studio dei processi di embriogenesi, ed alle discipline dell'immunologia e della neurobiologia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento