rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Mascherine sequestrate in Romagna, Carradori: "Materiale distribuito a livello nazionale"

La fornitura viene dalla struttura commissariale per l'emergenza Covid con consegna tramite il magazzino di Reggio Emilia della Protezione civile

Il sequestro di mascherine dei giorni scorsi "non riguarda esclusivamente l'Ausl Romagna, ma materiale distribuito a livello nazionale". Lo conferma il direttore generale Tiziano Carradori nella risposta fornita al question time sulla vicenda presentato dalla consigliera comunale Veronica Verlicchi della Pigna e discusso martedì pomeriggio in consiglio comunale.

La fornitura, legge la risposta in aula il sindaco Michele De Pascale precisando che il Comune non ha alcuna competenza in merito, viene dalla struttura commissariale per l'emergenza Covid con consegna tramite il magazzino di Reggio Emilia della Protezione civile. Attualmente, prosegue la risposta, il materiale giacente nel magazzino dell'Ausl Romagna è di 21.000 mascherine facciali filtranti e 6,6 milioni di chirurgiche. Il sequestro del 15 ottobre parte dalla Procura di Roma.

In replica Verlicchi lamenta la mancata presa di posizione del primo cittadino: "Sul medico no vax che inoculava per finta il siero ai suoi pazienti si è espresso ed era il caso di farlo anche in questo caso" rimarca, dato che "è stata messa a rischio la salute degli operatori" e l'Azienda sanitaria avrebbe dovuto "verificare e rifiutare il materiale" come fatto ad altre latitudini. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine sequestrate in Romagna, Carradori: "Materiale distribuito a livello nazionale"

RavennaToday è in caricamento