rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca Centro / Via Angelo Mariani

La mattonella di Linea Rosa al Consorzio di bonifica amico delle Donne

All’evento hanno partecipato il presidente di Linea Rosa Alessandra Bagnara, l’assessore del Comune di Ravenna Giovanna Piaia, il presidente del Consorzio di Bonifica della Romagna Roberto Brolli e il vice presidente Giancarlo Bubani.

Venerdì si è svolta l’inaugurazione della mattonella in mosaico del progetto “Ravenna città amica delle donne” nella sede del Consorzio di Bonifica della Romagna in Via Mariani. Il Progetto, dalla sua presentazione, ha già riscontrato numerose adesioni; diverse istituzioni pubbliche e private hanno scelto di acquistare la mattonella in mosaico il cui ricavato sarà in parte devoluto a Linea Rosa, dimostrando così la vicinanza e la volontà di sostenere le donne vittime di violenza.

Questa iniziativa è volta a rappresentare l’impegno del Consorzio di Bonifica verso la città di Ravenna e l’associazione Linea Rosa, attiva dal 1991 per il sostegno e la difesa delle donne in difficoltà, che subiscono violenze di ogni genere. Partendo da questi presupposti, si è dato seguito all’iniziativa che vede coinvolti numerosi mosaicisti ravennati, fra i quali Anna Fietta, realizzatrice del manufatto artistico.

La mattonella esposta nella sede del Consorzio di Bonifica rientra nel progetto “I fiori di Ravenna-Ravenna città amica delle donne” che riveste particolare importanza nell’ambito della campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, promossa da Linea Rosa in collaborazione con il Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico, il Museo d’Arte della città e la Cna di Ravenna.

All’evento hanno partecipato il presidente di Linea Rosa Alessandra Bagnara, l’assessore del Comune di Ravenna Giovanna Piaia, il presidente del Consorzio di Bonifica della Romagna Roberto Brolli e il vice presidente Giancarlo Bubani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mattonella di Linea Rosa al Consorzio di bonifica amico delle Donne

RavennaToday è in caricamento