rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Faenza

Faenza, il Mei si chiude con un altro successo: "Aprire un percorso nuovo fino al 2020"

Sono stati circa 250 gli artisti iscritti all’edizione 2017 del Superstage, lo storico contest organizzato Rumore di Fondo e Mei

E' stata la cantautrice bolognese Roberta Giallo ad aggiudicarsi il Premio dei Premi, il contest del Mei di Faenza che ha riunito, sabato scorso, i vincitori dei più importanti concorsi italiani di canzone d'autore e world music intitolati a cantautori scomparsi. Al secondo posto i siciliani Pupi di Surfaro, al terzo la siculo-belga Sighanda. Nella serata si sono esibiti in veste di ospiti Daniele Isola, Braschi, Gianluca Secco e Leo Folgori, mentre Brunori Sas è stato premiato dal Mei con il Pimi 2017 come Artista indipendente dell'anno. Al Teatro Masini ogni artista ha eseguito un brano proprio ed una cover di un nome storico della musica italiana. Una sorta di passaggio di testimone dai grandi protagonisti della nostra canzone ai giovani che ne stanno raccogliendo l'eredità. Giallo è cantautrice, interprete, performer teatrale. Nonostante la giovane età ha collaborato con artisti come Lucio Dalla, Samuele Bersani, Simona Molinari. Il 20 gennaio scorso ha pubblicato il suo primo album, "L'oscurità di Guillaume", prodotto ed arrangiato da Mauro Malavasi.

Era in gara a Faenza per il Premio Bindi, che ha vinto a luglio. I Pupi Di Surfaro rappresentavano invece il Premio Andrea Parodi e Sighanda il Premio d'Aponte. Sono saliti con loro sul palco: Mezzania per il Premio Bertoli, i Blindur per il Premio Buscaglione, Giulia Mei per il Premio Cesa, i Tamuna per il Premio De André, Guido Maria Grillo per il Premio Lauzi, Carmen Ferreri per il Premio Luttazzi, Rusty per il Premio Mia Martini. Il Premio dei Premi ideato da Giordano Sangiorgi, patron del MEI, e ideatore di tantissime innovazioni della manifestazione come il Forum del Giornnalismo Musicale e tantissime altre idee presenti durante ala kermesse, è stato realizzato con la consulenza artistica di Enrico Deregibus, che ha anche presentato il contest. La vincitrice si è aggiudicata un riconoscimento in denaro, un pacchetto promozionale a cura dell'Altoparlante, uno spazio nei canali del Mei e una session gratuita di registrazione nei leggendari studi Fonoprint di Bologna.

A decidere è stata una nutrita giuria composta da addetti ai lavori come Alberto Salerno (Officina della musica e delle parole), Tino Silvestri (manager), Michele Lionello (Voci per la libertà), Leopoldo Cavalli (Fonoprint), Daniela Esposito (Strategie di comunicazione), Giuseppe Marasco (Calabriasona), Carlo Mercadante (Isola Tobia label), Amedeo Bianchi (storico sassofonista), Lorenzo Pellegrini (ILiveMusic) e due importanti nomi stranieri come Henriette Heimdal (Win, il network mondiale delle etichette indipendenti) e Emmanuel Donati (del distributore digitale Jamendo). Con loro alcuni dei giornalisti aderenti al 2° Forum del giornalismo musicale, che si è tenuto al Mei con incontri, corsi di aggiornamento, premiazioni e una assemblea finale. Si tratta di Roberta Balzotti, Tiziana Barillà, Giancarlo Bolther, Valentina Brunelli, Cinzia Canali, Giuseppe Catani, Piero Chianura, Luca D'Ambrosio, Fabio Guastalla, Elisabetta Malantrucco, Michele Manzotti, Claudia Marchetti, Vincenzo Martorella, Marco Messineo, Nello Pappalardo, Alessandro Sgritta, Dejan Uberti, Barbara Urizzi, Rossella Vetrano.

Nell’ultima giornata del MEI la finale del Mei Superstage

Sono stati circa 250 gli artisti iscritti all’edizione 2017 del Superstage, lo storico contest organizzato Rumore di Fondo e Mei, in collaborazione con Incisioni Contest e rivolto a tutti gli artisti e band emergenti che vorranno mettersi in gioco, per suonare al Mei e vincere gli importanti premi in palio. Al termine una qualificata giuria, coordinata da Giordano Sangiorgi del Mei e Riccardo De Stefano di Exit Well, ha dichiarato vincitore il progetto di Blake Snake Moan, con un nome che fa riferimento a un film di dieci anni fa. Si tratta di one man band in stile spiritual psychedelic folk blues. Si è aggiudicato la stampa di 300 dischi e l’accesso diretto alla finale di Incisioni Contest 2018, con la possibilità quindi di vincere premi come la stampa di 300 dischi in vinile 45 giri, videoclip, servizi fotografici, siti web.

Black Snake Moan è un one man band atipico, ?con radici stilistiche primordiali che fioriscono in sperimentazioni sonore pregne di un sapore intenso e dal fascino arcano. ?Radici profonde che profumano di delta blues e che si intrecciano con un’ispirata vena psichedelica. Un connubio trascendentale che ha dato vita all’album ‘Spiritual. Grazie alla vittoria l’artista si e’ aggiudicato un tour promozionale a cura degli organizzatori de contest. Infatti,  MEI Superstage è un progetto realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92.

Infine, il regista Lorenzo Vignolo, con la collaborazione di Fabrizio Galassi, ha realizzato durante il Mei in due giorni grazie a un workshop coi ragazzi iscritti al laboratorio gratuito il nuovo video del cantautore Cortex, progetto di punta dlela collana discografica Mi Sento Indie di Irma Records, partito in tour per l’Italia in questi giorni grazie al progetto Sillmina di Mibact e Siae a cura di Materiali Musicali che avra’ così un nuovo clip di accompagnamento lungo le dieci date in lungo e in largo per l’Italia.

Nei tre giorni presenti con successo grandi artisti della scena indie italiana di tre generazioni dagli Skiantos a Garbo, da Ambrogio Sparagna agli Opus Avantra , dai Modena City Ramblers a Enrico Capuano , per arrivare agli Espana Circo Este e Zibba fino ai Perturbazione e Diodato per arrivare fino ai Canova, Claver Gold e Banda Rulli Frulli e poi Braschi, Secco, Leo Folgori, Daniele Isola, Cortex e tantissimi altri giovani esordienti  facendo diventare il MEI un punto di riferimento per tutta la scena indipendente ed emergente italiana grazie anche quest’anno a un importante rinnovamento dell’immagine, dello stile grafico e della comunicazione fino ad arrivare alla App del MEI.

I commenti

“Si conferma il grande successo del Mei - dichiara Sangiorgi -. Piazze piene in tutta la citta’ con un coinvolgimento ancora piu’ ampio, confermati grandi numeri e alta qualita’ con speciali al Teatro Masini e in Piazza del Popolo di grandissimo livello , presenza di grandi istituzioni e personalita’ della musica a Faenza: dal Mibact agli enti come Siae e Nuovo Imaie, tanti Enti Pubblici regionali e comunali con progetti specifici, dall’associazione mondiale discografici indipendenti WIN alle altre associazioni italiane di produttori , per la prima volta in Italia, a realita ‘ produttive nella musica come Cafim e Fim e Musika per un progetto comune di rete tra fiere musicali, un avvio di tavolo di lavoro tra Rete dei Fsetival, Italian Quality Muisc Festival e altri festival e artisti fino alla nascita di un Consorzio Folk di It-Folk tra artisti e festival folk, fino alla conferma di un grande Forum del Giornalismo Musicale, da presenze di rilievo tra gli operatori oltre a grandi artisti come Paolo Masini Consigliere del Ministro Franceschini, l’atuore Alberto Salerno, Fabrizio Pausini, il produttore di Fonoprint Leopoldo Cavalli, Mario Limongelli di Pmi, Massimo Benini di Evolution e tante altre personalita’ di spicco del mondo della musica. Nascono nuovi progetti nazionali, regionali e locali al MEI di Faenza".

"Ora chiediamo al Comune di Faenza di aprire un percorso nuovo subito fino al 2020 per avviare un percorso musicale che porti al centro i giovani faentini e la musica, un rapporto virtuoso con tutte le altre realta’ musicali presenti sul territorio sia scuole che eventi con forti sinergie, un maggiore lavoro sulle tradizioni del territorio e sugli eventi principali del territorio nei momenti di festa e durante l’estate, si valorizzino ancora di piu’ le attivita’ della Casa della Musica appena valorizzata dal bellissimo murale dedicato a Valter Dal Pane per arrivare a un nuovo grande Mei, passando attraverso il rilancio di Faenza Rock e gli altri eventi tradizionali e altri percorsi nuovi da attivare come la realta’ giovanile di Ateleier Be e Free Usb Clubbin oltre a quelli presenti alla Casa della Musica attualmente, ancora piu’ preparati e convinti per un nuovo coros legato ai MIllennials", conclude Sangiorgi

“Il Mei e’ la manifestazione turistico musicale giovanile piu’ importante della Romagna e dovra’ essere al centro delle politiche turistiche culturali del nostro territorio, visto che anche qui dal punto di vista organizzativo e artistico e’ nato il progetto della Notte del Liscio - dichiara Liviata Zanetti, presidente di Apt -. Si tratta di una progettualita’ unica che merita nacora maggiore sostegno da parte di Regione e Apt senza dubbi visto il grande polo aggregativo nazionale che prosegue ad essere il Mei nella sua continuita’ di ben 23 anni di manifestazioni disuccesso".

"Il Mei continua a sapere interpretare l’essere una kermesse al centro dei progetti di musica nazionali. Il fatto che sia per il MIbact l’organizzatore della Festa della Musica dei Giovani ee che il suo modello richiesto ed esportato nelle Capitali Culturali de’Italia, prima a Mantova poi a Pistoia e marted' a Palermo significa la forza di una manifestazione che deve proseguire con forza nel suo percorso a Faenza - commenta il Senatore Stefano Collina . impegnando come territorio a dovere reperire maggiolri risorse che il Mei merita ampiamaente da parte degli Enti Istituzionali nazionali e delle grandi Societa’ di Raccolta diritti autori ed editori e copia privata e connessi.

Il vice sindaco Massimo Isola ha indicato il Mei 2come una fonte certa di ritorno economico e turistico per il territorio sul quale serve investire e soprattutto una fonte certa di mantenimento del territorio di Faenza nella contemporaneaita’ e nel dibattito culturale attuale portando a Faenza tutti i nuovi temi della musica e della cultura giovanile sul territorio. L’auspicio è quindi quello di proseguire in tale percorso accrescendo e valorizzando ancora di piu’ il Mei e le sue attivita’ durante l’anno con attenzione ai nostri giovani".

“L’incontro con Ermal Meta rimarra’ per sempre nei cuori e nella mente degli studenti faentini - commenta l'assessore ai Giovani Simona Sangiorgi -. Un’esperienza certamente da ripetere portando così la musica nelle scuole e il Mei in un rapporto sempre piu’ fecondo coi giovani appassionati di musica e con le nuove generazioni della citta’ pèer un ruolo fortemente educativo e preventivo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faenza, il Mei si chiude con un altro successo: "Aprire un percorso nuovo fino al 2020"

RavennaToday è in caricamento