menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercato Coperto poco fruibile dai disabili: il consigliere si mobilita

Ha riaperto da appena una settimana, ma sono già iniziate le prime critiche sul Mercato Coperto della città

Ha riaperto da appena una settimana, ma sono già iniziate le prime critiche sul Mercato Coperto della città. Nei giorni scorsi, infatti, il capogruppo del Gruppo misto in consiglio comunale, Emanuele Panizza, ha sollevato una polemica sull'accessibilità e la fruibilità del Mercato Coperto per i disabili, lamentando come nei bagni fossero assenti maniglioni e spazi adeguati, come l'ascensore fosse inaccessibile alle persone di stazza "importante" in carrozzina e come vi fosse un unico accesso disponibile per le persone con disabilità.

Il consigliere si è quindi mosso per cercare di cambiare le cose: "Sono state valutate le richieste da me avanzate e ho trovato ampia disponibilità per risolvere le problematiche riscontrate - spiega Panizza - Provvederanno a eliminare le piccole deficienze riscontrate nei bagni e quanto prima verranno montati un paio di fasciatoi (a onor del vero, quest’ultima operazione era già stata pianificata in precedenza). Un’uscita di sicurezza che dà in Vicolo Gabbiani, pienamente accessibile e raggiungibile in automobile, verrà messa a disposizione delle persone disabili (dietro motivata richiesta) anche per l’ingresso al Mercato. Invece per quanto riguarda l’ascensore, che rispetta quanto previsto dalla normativa, la situazione è più complicata. Hanno ammesso che non era stato valutato se ne facesse un uso così intenso e di conseguenza risulta sottodimensionato alle esigenze riscontrate. Gli arredi e le varie strutture sono sotto il rigido controllo della Soprintendenza Archeologia e, anche nel caso in cui volessero apportare delle modifiche, non è detto che verrebbero autorizzati. Ritengo che anche la posizione dell’uscita al piano superiore è infelice, trovandosi a breve distanza dal bancone del bar, di conseguenza risulta facile creare un ingorgo tar le persone in uscita o in attesa di prendere l’ascensore e quelle in attesa di un succo di frutta. Diciamo che sarebbe auspicabile una soluzione anche a questa ‘criticità’, ma è di difficile risoluzione... la speranza è l’ultima a morire. Nel frattempo il motto è: Chi può prenda le scale che è tutta salute!".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento