L'inverno si 'veste' da primavera e l'allergia arriva in anticipo: è allerta pollini

L'inverno porta con sè temperature decisamente anomale, che hanno raggiunto anche i 20 gradi in questi giorni. E così, in netto anticipo rispetto agli anni scorsi, è già scattata l'"allerta pollini"

L'inverno si "veste" da primavera e porta con sè temperature decisamente anomale, che hanno raggiunto anche i 20 gradi in questi giorni. E così, in netto anticipo rispetto agli anni scorsi, è già scattata l'"allerta pollini", in conseguenza di una fioritura precoce.

Sono numerosi, come ogni anno, i ravennati già alle prese con congiuntiviti e "raffreddori da fieno" super precoci. L'Arpae, l’Agenzia regionale di protezione ambientale, evidenzia come "le fioriture di gennaio, complici le temperature miti, sono state già abbondanti con presenza di numerose cupressacee, frassini, noccioli e rare spore di interesse allergologico. Il mese di febbraio è iniziato con giornate calde che hanno favorito l'ulteriore diffusione di pollini di interesse allergologico".

Sul portale dell'Arpae tutti gli allergici interessati anche alla situazione dei pollini in Provincia possono visualizzare i bollettini settimanali nella pagina dedicata alla rilevazione settimanale di pollini e spore. Per la settimana in corso, caratterizzata da temperature oltre al norma, "si prevede un generale aumento della carica pollinica in aria. In particolare sono previste concentrazioni polliniche di cipresso su valori medio alti quasi ovunque. Aumenti sono attesi anche per i pollini di nocciolo, ontano nero e frassino maggiore che potranno raggiungere localmente anche valori medio alti. E' prevista infine un'estensione della fioritura dell'olmo con valori localmente medio alti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima cartina tornasole di questa primavera anticipata la stanno dando le mimose, quasi in piena fioritura in tutta la regione. E non è sorprendente vedere peschi, albicocchi e susini con le gemme che si stanno gonfiando a vista d'occhio. Un'altra conseguenza del "non inverno" è la crescita di insetti: in campagna - ma non solo - si vedono già le prime zanzare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento