rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Meteo, le più grandi nevicate ed ondate di gelo in Romagna raccontante in un libro

Pierluigi Randi, meteorologo/previsore di MeteoCenter.it/Meteoromagna.com, e Roberto Ghiselli, hanno raccolto dati e racconti per documentare attraverso un libro la storia delle più grandi nevicate ed ondate di gelo, avvenute in Romagna

La neve, si sa, è il fenomeno meteorologico più affascinante, sia per i più grandi che per i più piccini, per quel suo magico potere di avvolgere l’ambiente di un ovattato silenzio e anche di trasformare tutto, con la sua candida coltre, in un fiabesco paesaggio. Non è un caso che la neve sia uno dei fenomeni naturali più “gettonato” dai poeti, dai pittori, e viene peraltro citata in molti proverbi: “sotto la neve pane”; “anno nevoso, anno fruttuoso”; “buona è la neve che a suo tempo viene”.

Pierluigi Randi, meteorologo/previsore di MeteoCenter.it/Meteoromagna.com, e Roberto Ghiselli, hanno raccolto dati e racconti per documentare attraverso un libro la storia delle più grandi nevicate ed ondate di gelo, avvenute in Romagna e nelle adiacenti aree del Bolognese e Ferrarese, dal 1880 ad oggi, con particolare riguardo agli storici eventi del 1929, del 1956, del 1985 e del 2012.

Le grandi nevicate in Romagna

Si tratta di una pubblicazione di carattere divulgativo ma con forte impronta scientifica, pensata non soltanto per gli appassionati di meteorologia, ma anche per quanti desiderano allenare la memoria o rispolverare ricordi recenti o remoti, indissolubilmente legati ai memorabili eventi meteoclimatici descritti nel libro anche con l'ausilio di molte immagini e carte sinottiche.

"I grandi inverni dal 1880 in Romagna e province di Bologna e Ferrara" raccoglierà la curiosità di molti, sia “addetti ai lavori” che non. Il tutto condito da una trattazione all'insegna della maggiore semplicità di linguaggio possibile. E la storia di ogni evento è raccontata come in thriller nel quale si è ansiosi di arrivare alla fine del racconto per conoscerne i nascosti intrecci.

"Per di più l’evoluzione di ogni episodio nevoso viene raccontata, giorno per giorno, da una documentazione molto ricca di mappe, dati di ogni tipo, nonché di fotografie e testimonianze giornalistiche dell'epoca, molte delle quali assai curiose - spiegano Randi e Ghiselli -. Insomma, 130 anni circa di inverni romagnoli racchiusi in 500 pagine da sfogliare, particolarmente adatto agli appassionati ma anche a tutti coloro che vorranno allenare la memoria o rispolverare ricordi recenti o remoti, indissolubilmente legati ai nostri paesaggi resi incantevoli, ed a volte insolitamente “glaciali”, dalle più grandi nevicate ed ondate di gelo occorse in passato".

Un capitolo a parte è dedicato agli inverni di fine ottocento, la lettura dei quali riserverà molte sorprese, soprattutto agli appassionati di meteorologia, così come un altro capitolo è dedicato agli eventi meno importanti ma ugualmente severi dal 1900 a oggi. Un ultimo capitolo è riservato ai cosiddetti episodi “minori” relativi al medesimo periodo. Va sottolineato infine che gli autori hanno deciso di allargare la “finestra” di indagine anche al Bolognese e al Ferrarese che presentano, pur con le inevitabili diversificazioni, sostanziali analogie con il territorio romagnolo in tema di eventi invernali caratterizzati da forti ondate di neve e gelo, mentre le differenziazioni diventano sempre più ampie mano a mano che si procede verso l’Emilia occidentale soprattutto in merito alle dinamiche che conducono a nevicate importanti, la cui climatologia è nettamente diversa rispetto al comparto romagnolo.

L'opera, appena pubblicata da An.Walberti editore con prefazione del colonnello Mario Giuliacci, uscirà venerdì e verrà presentato per la prima volta a Bagnacavallo, in una serata patrocinata dal Comune, giovedì 14 novembre. Stampato in 500 copie da An.Walberti editore (Lugo), è acquistabile sia presso l'editore che rivolgendosi direttamente agli autori al costo di 20 euro. Dalle 21 in poi, nella sala Oriani del convento di San Francesco di via Cadorna, i due autori discuteranno dei cambiamenti climatici in atto, e ci sarà spazio per interventi del pubblico.

Alfonsinese residente a Bagnacavallo, socio Smi (Società Meteorologica Italiana), Randi è previsore e responsabile area climatologia, agrometeorologia e dati MeteoCenter s.r.l. Collaboratore Eswd (European Severe Weather Database) e Centro Epson Meteo Milano, è inoltre responsabile del Thunderstorm Team MeteoNetWork, previsore di MeteoRomagna, gestore della stazione meccanica Arpa-Simc di Alfonsine, divulgatore e coautore del libro Temporali e Tornado (Alpha Test editore, I e II edizione).

Voltanese, socio Smi, profondo conoscitore del clima regionale, Ghiselli è proprietario e curatore di una vasta biblioteca storica e collaboratore fin dagli albori di MeteoCenter/MeteoRomagna dove è responsabile dell’aggiornamento e della manutenzione dell'archivio dati storici e coordinatore dei rapporti con la stampa. Gestore della stazione meccanica Arpa-Simc di Voltana, è infine divulgatore e assistente-relatore per attività didattica.

Siti internet di riferimento degli autori
www.meteoromagna.com
www.meteocenter.it
www.nimbus.it
www.meteogiuliacci.it

Per informazioni sull'acquisto del libro
www.walbertiedizioni.it/chisiamo.html
0545 282726
edizioni@walbertiedizioni.it
pierluigi.randi@meteocenter.it
robertoghiselli@alice.it

Facebook
Pierluigi Randi
Roberto Ghiselli

Twitter
@pierrandi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo, le più grandi nevicate ed ondate di gelo in Romagna raccontante in un libro

RavennaToday è in caricamento