rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Lugo

Lugo, minacce di morte al sindaco Ranalli. "Un'inaccettabile offesa a tutta la città"

"Si tratta di una inaccettabile offesa a tutta la città - sottolineano i sindaci della Bassa Romagna -, poiché si tratta di un attacco non solo a una persona, ma all'istituzione che rappresenta

La giunta dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, a nome di tutti gli amministratori del territorio, esprime la propria solidarietà e vicinanza al sindaco di Lugo e collega Davide Ranalli, per le minacce di morte apparse su un muro di una cabina elettrica in via del Villaggio neolitico a Lugo. “Si tratta di una inaccettabile offesa a tutta la città - sottolineano i sindaci -, poiché si tratta di un attacco non solo a una persona, ma all’istituzione che rappresenta. Ci auguriamo che siano individuati i responsabili di questo gesto, che condanniamo con forza. Siamo vicini al sindaco Ranalli, al quale esprimiamo la massima solidarietà. La miglior risposta a questi gesti non può che essere quella di continuare a fare con passione il nostro lavoro di amministratori, dialogando quotidianamente con le nostre comunità, con chi ha voglia di contribuirle a migliorarle e non si nasconde dietro un insulto anonimo e vigliacco”.

Tra i tanti messaggi di vicinanza e solidarietà e di ferma condanna del gesto, anche il coordinamento comunale Anpi di Lugo: “Manifestiamo la nostra vicinanza a Davide Ranalli e lo esortiamo a proseguire insieme a tutte le forze antifasciste secondo gli ideali della Resistenza, al fine di contrastare questi atti, manifestazioni vergognose contro la libertà, l'uguaglianza, la democrazia e la Costituzione”.

Anche la federazione del Partito della Rifondazione Comunista di Ravenna, condanna "il gesto vigliacco. Purtroppo certi atti sono frutto del revisionismo storico, e di quelle situazioni che si sono e si stanno determinando in tutta Europa e nella quale la destra xenofoba, fascista e razzista sguazza e prende forza. Contro costoro, tutte le forze democratiche dovrebbero fare un fronte comune, affinchè la Costituzione, salvata col voto del 4 dicembre, venga rispettata e non ci possa essere più spazio nella nostra Repubblica nata dalla resistenza".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lugo, minacce di morte al sindaco Ranalli. "Un'inaccettabile offesa a tutta la città"

RavennaToday è in caricamento