Scuola, la Ministra Azzolina: "Ci sono già casi di Covid ma li gestiamo, non siate untori di ansie"

Ospite d'eccezione per la presentazione dei progetti delle scuole elementari, medie e superiori del territorio comunale dedicati a Dante per il settimo centenario, con la presenza della Ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina

Foto Massimo Argnani

Ospite d'eccezione, martedì mattina in biblioteca Classense, per la presentazione dei progetti delle scuole elementari, medie e superiori del territorio comunale dedicati a Dante per il settimo centenario. Ad ascoltare gli interventi dei rappresentanti istituzionali di Comune, Provincia, Regione, Comitato dantesco e di alcuni insegnanti, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che ha concluso la sua visita in città con un sopralluogo all’istituto professionale Olivetti Callegari, oggetto di un importante intervento di riqualificazione finalizzato all’accorpamento in un'unica sede.

"Abbiamo dovuto reinventare la scuola in un momento storico molto difficile. È un bilancio buono quello della ripartenza, cosa che non era nemmeno scontata - ha spiegato la Ministra - Ereditiamo una scuola che ha sofferto, ma il lockdown ha fatto riscoprire quanto sia importante. Abbiamo lavorato tanto quest'estate a tutti i livelli per poter riportare tutti gli studenti in classe". In merito agli organici insegnanti, Azzolina ha spiegato poi che "i supplenti si stanno nominando e non ne mancano all'appello 100.000 come è stato detto. Il ministero darà i numeri ufficiali nei prossimi giorni quando nomineremo tutti i supplenti".

Il tema del Covid-19, comprensibilmente, l'ha fatta da padrone: "Ci sono già casi di positività al Coronavirus - ammette la Ministra - ma li gestiamo, abbiate fiducia e non siate untori di ansie. Sarà un anno scolastico molto complesso, le regole sono rigide, ma servono a garantire una sicurezza maggiore". Per quanto riguarda invece il sostegno, "il ministero è subito intervenuto e ha fatto tutte le dovute interlocuzioni con i dirigenti scolastici. Nessun dirigente, nessun insegnante ha rifiutato bambini, sarebbe molto grave". Dunque, ribadisce, "è stata fornita loro accoglienza. Sui disabili siamo molto attenti".

Azzolina è poi entrata nel merito delle celebrazioni dantesche, garantendo il sostegno del Governo: "Abbiamo fatto tanti progetti e lavorato con il ministero dei Beni culturali. Malgrado il lockdown abbiamo ricevuto tutti i giorni molti lavori da parte di studenti, video, fumetti: c'è una creatività enorme anche a distanza. Abbiamo investito e ora vi sarà da continuare su questa scia. Studiare Dante è uno dei privilegi più grandi".

Il sindaco

"Nonostante il momento delicato che abbiamo passato e che stiamo tutt’ora affrontando, soprattutto con l’interruzione e la ripartenza delle scuole, è emersa la passione verso la straordinaria missione delle celebrazioni dantesche che continuano ad avere un capitolo fondamentale all’interno dell’istruzione di ragazzi e ragazze di tutte le età - ha commentato il sindaco Michele de Pascale - La ripartenza di questo progetto, oggetto di attente riflessioni, vuole essere un percorso di crescita culturale e professionale per ragazzi e ragazze proprio nell’ambiente scolastico dove Dante rimane uno dei pilastri fondamentali della cultura italiana. Ravenna ne è una prova lampante: il liceo classico è dedicato a Dante Alighieri e anche l’ultima scuola che è stata realizzata a Lido Adriano è stata intitolata ‘Dante Alighieri’, per rimanere fedeli alla nostra storia, pur guardando sempre verso il futuro. L’idea di questa giornata è stata quella di mostrare alla Ministra il lavoro straordinario che in periodo pre-Covid, durante il lockdown, ha svolto il mondo della scuola ravennate. Si tratta di circa una sessantina di progetti che vogliono rappresentare un’offerta di rinnovamento e nuove visioni di insegnamento dell’opera dantesca nelle scuole stesse.  Ringraziando di cuore per il lavoro svolto in un momento così difficile, siamo sicuri che la fiamma tenuta in vita dagli studi danteschi continuerà ad illuminare il nostro futuro". I lavori degli studenti, ha spiegato il primo cittadino, saranno raccolti in una pubblicazione offerta a tutte le scuole italiane per una nuova riflessione sull'opera dantesca. 

"Molto soddisfatto" anche l'assessore regionale alla Scuola Paola Salomoni, che ha sottolineato come l'istruzione "deve rimanere al centro di un piano di investimenti". Dello stesso avviso la collega alla Cultura del Comune di Ravenna Elsa Signorino: "C'è autentica soddisfazione per la progettualità delle scuole, negli istituti della citta Dante è di casa, Ravenna coltiva il lascito dantesco con straordinaria partecipazione comunitaria". I progetti elaborati dalle scuole, aggiunge, in alcuni casi saranno "oggetto di rimodulazione per via del Covid-19", tuttavia il "tratto portante è che le scuole sono protagoniste, gli insegnanti e i ragazzi". All'iniziativa, le ha fatto eco la coordinatrice Agostina Melucci, da parte degli istituti ci sono state "ottima adesione e qualità nelle progettazioni".

I progetti

Durante la mattinata è stato illustrato il fitto dialogo portato avanti con le scuole del territorio provinciale che hanno elaborato oltre quaranta progetti. Al ministro Azzolina sono stati illustrati tre progetti "indicativi di quanto Dante è entrato dentro le nuove generazioni": quello pluridisciplinare dell'istituto comprensivo Manara Valgimigli, che tiene insieme territorio, letteratura e arte cercando le ricorrenze di uccelli e animali nella Commedia, nel territorio ravennate e nei mosaici. Il progetto dell'istituto comprensivo Darsena coinvolge invece i più piccoli, grazie a una serie di testi su Dante scritti per loro, in diverse attività e giochi. Infine quello del liceo classico Alighieri, una mostra i cui pannelli ampliano l'argomentazione su Dante su temi particolari, quale per esempio la presenza in Purgatorio e Paradiso dei fenomeni luminosi.

Nonostante la chiusura delle scuole per più di quattro mesi, cinque sono già stati realizzati; gli altri saranno rimodulati. La progettualità elaborata è contraddistinta dalla pluralità dei saperi (umanistici, scientifici, estetici), dalla partecipazione, dal desiderio di sentirsi soggetti attivi e propositivi. Si è inoltre parlato di un progetto specifico per le scuole di ogni ordine e grado volto a promuovere Dante come motivazione della visita a Ravenna. Tale progetto ha il merito di essere occasione di formazione per gli studenti delle scuole ravennati che si faranno ambasciatori di Dante presso i loro compagni di altre città. La Fondazione Ravennantica avrà il compito di coordinare, promuovere e sostenere questo importante scambio culturale ed elaborare proposte di qualità volte alla conoscenza e alla fruizione diffusa del lascito dantesco.

L'istituto Olivetti Callegari

La mattinata si è conclusa all’istituto Olivetti Callegari, dove è in corso di ultimazione il terzo stralcio, del valore di 1,67 milioni, di un intervento di riqualificazione funzionale, edilizia, ambientale e di adeguamento normativo, finalizzato all’accorpamento in un’unica sede, in via Umago 18. L’intervento è seguito dalla Provincia di Ravenna e finanziato tramite le risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014 – 2020 assegnate alla Regione Emilia Romagna.

I lavori hanno consentito sia di migliorare la distribuzione interna degli spazi (anche a favore di persone con ridotte o impedite capacità motorie) sia di rendere ottimale la funzionalità didattica della sede scolastica. Sono stati realizzati una serie di percorsi accessibili ai disabili (attraverso un ulteriore ascensore e un nuovo corpo di collegamento tra i vari piani dei corpi sud ed est della sede scolastica) e un altro bagno per ragazzi diversamente abili. Sono stati inoltre creati un nuovo laboratorio di informatica, il laboratorio tecnologico e di pneumatica, un ufficio per la gestione del magazzino dell’istituto, un archivio e un magazzino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foto Massimo Argnani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento