Minorenni si accaniscono con furia sulla cabina telefonica: pizzicati dalle telecamere

I carabinieri hanno identificato e denunciato alla procura per i minorenni di Bologna quattro vandali "in erba": dovranno rispondere di danneggiamento aggravato in concorso

I carabinieri hanno identificato e denunciato alla procura per i minorenni di Bologna quattro vandali “in erba”: dovranno rispondere di danneggiamento aggravato in concorso. Oltre alla denuncia penale, i quattro giovani, tutti studenti di “buona famiglia”, sono stati convocati in caserma dove hanno ricevuto dai carabinieri una vera e propria lezione di senso civico, di legalità e di rispetto delle cose altrui.

L’episodio risale alla notte fra il 6 ed il 7 giugno ed è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza istallate dall’Unione dei comuni della Romagna Faentina. Nei pressi della stazione ferroviaria i carabinieri di Solarolo hanno avviato le indagini alla mattina, appena ricevuta la segnalazione del danneggiamento alla cabina telefonica, ed hanno acquisito le registrazioni delle telecamere per capire cosa fosse accaduto.

E' stato poco: stati ripresi quattro vandali che nell’arco di mezz’ora, tra le 2.45 e le 3.15, senza alcun motivo e con una furia inaudita hanno preso a calci, pugni e pedate i pannelli di vetro della cabina telefonica fino a frantumarli, rendendola inutilizzabile. Dalle immagini i militari dell’arma hanno iniziato la loro attività investigativa per risalire ai nomi dei ragazzi, prendendo spunto da una festa organizzata quella notte in una casa colonica di Solarolo per il 18esimo compleanno di un giovane residente nel faentino, totalmente estraneo ai fatti oggetto d’indagine. Quell’insolito evento, fra l’altro, era stato anche “monitorato” da una pattuglia dei carabinieri che già dalla sera avevano registrato una notevole affluenza di giovani, circa una sessantina, provenienti anche dai dintorni.

I militari dell’arma, incrociando le immagini con le testimonianze rese da alcuni invitati alla festa, sono riusciti ad identificare gli autori materiali dell’atto vandalico: si tratta di quattro giovani studenti di Imola, tutti di buona famiglia. Quando sono stati convocati nella caserma dei carabinieri di Solarolo con i rispettivi genitori, i giovani si sono dichiarati pentiti e mortificati, soprattutto dopo aver ascoltato le parole del maresciallo che con una bella “ramanzina” ha impartito loro, come a scuola, una lezione di educazione civica e rispetto dell’ambiente e delle cose pubbliche, anche di quelle più piccole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

i quattro minorenni dovranno rispondere del reati di danneggiamento aggravato in concorso che è stato contestato d’ufficio dai carabinieri di Solarolo, non si esclude che anche la Telecom possa formalizzare un atto di denuncia-querela contro di loro per il danno arrecato alla cabina telefonica. il neo18enne che ha festeggiato il compleanno è completamente estraneo ai fatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento