rotate-mobile
Cronaca

Mobilità Erasmus plus, a Ravenna il solo Ente accreditato dall'Unione Europea

Il Bollino blu per la mobilità targata Erasmus plus arriva in Emilia Romagna attraverso un Ente, Educazione all’Europa di Ravenna, che è tra i 15 soggetti a livello nazionale, il solo per l’Emilia Romagna, ad aver ottenuto, a fronte di un iter selettivo dell'Agenzia Nazionale Erasmus la Carta VET: un accreditamento dell’Unione Europea per la qualità nelle azioni di mobilità nelle modalità di tirocini formativi in Europa e mobilità del personale docente.

Erasmus+ è il nuovo programma dell’Unione europea a favore dell’istruzione, della formazione, dei giovani e dello sport che ha posto la mobilità educativa e professionale al centro delle politiche europee per contrastare la disoccupazione e attraverso questa procedura di accreditamento l’Unione Europea intende attuare misure capaci di garantire che la mobilità venga sempre più realizzata in contesti certificati di qualità. 

La Carta premia la capacità dei suoi titolari di essersi saputi muovere in un contesto di qualità nella progettazione e gestione di attività di mobilità e di dimostrarsi capaci di sostenere e sviluppare ulteriormente, per il futuro, una strategia pertinente di internazionalizzazione europea, continuando a promuovere nel contempo la qualità nella mobilità. 

A valere dal 2016 fino al 2020 i titolari della Carta saranno identificati nel sito web Erasmus+ al fine di aumentarne la visibilità presso le aziende europee in quanto fonti di tirocinanti che provengono da un'organizzazione che opera in  un contesto di alta qualità. “L’impatto sui beneficiari finali della mobilità è indiscusso - spiega la Direttrice di Educazione all’Europa, Carmen Olanda - per i giovani del territorio che da anni partono con Educazione all’Europa per fare esperienze di tirocini formativi in Europa  (2000 a tutt’oggi): questa visibilità permetterà loro di essere inquadrati dalle aziende ospitanti all’interno di percorsi di accompagnamento al lavoro o di alternanza scuola/lavoro che sostengono la qualità e che si fanno garanti dell’idoneità dei profili da accogliere e valorizzare”.

Sul territorio hanno da poco concluso esperienze di questo genere 99 giovani e altri 45, tra studenti delle superiori, laureandi e laureati si accingono a partire “con il bollino blu” per la volta dell’Europa già dai primi mesi del 2016. Educazione all’Europa coordina infatti due Consorzi di Mobilità, uno per l’alta Formazione, che riunisce al suo interno il Campus di Ravenna e di Rimini e la Fondazione Flaminia e un Consorzio per la formazione tecnico professionale che comprende una rete territoriale di scuole della provincia di Ravenna (Ravenna – Faenza – Lugo) e del circondario imolese e ha al suo interno significativi partner istituzionali (Amministrazione Provinciale di Ravenna) e territoriali (Fondazione Dalle Fabbriche e Credito Cooperativo ravennate e imolese). Alcuni dei partecipanti hanno ricevuto proposte di lavoro o inviti a ritornare e ci stanno pensando, uno ha deciso di rimanere. Come non accettare un contratto di lavoro dopo 4 mesi di stage nel settore di tuo interesse, ma soprattutto quando, classe 1961, con 25 anni di esperienza hai perso il lavoro, ti sei rimesso in gioco con un diploma d'istruzione tecnica superiore (energy management)e riesci finalmente a poter guardare al futuro con più fiducia, questa volta in Europa!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità Erasmus plus, a Ravenna il solo Ente accreditato dall'Unione Europea

RavennaToday è in caricamento