Morte di Matteo 'Balla' Ballardini: cade l'accusa di omicidio

La Corte d'Assise di appello di Bologna ha ridotto le pene per la morte di Matteo Ballardini, lo studente 19enne di Lugo deceduto per overdose la mattina del 12 aprile 2017

"Non fu omicidio". La Corte d'Assise di appello di Bologna ha ridotto le pene per la morte di Matteo Ballardini, lo studente 19enne di Lugo deceduto per overdose la mattina del 12 aprile 2017 in un'auto lasciata, per l'accusa, appositamente parcheggiata in un punto defilato della città dai quattro "amici" che la notte precedente lo accompagnavano. E' caduta infatti l'accusa di omicidio, per il quale poco più di un anno fa i quattro che trascorsero quella notte con lui vennero condannati in primo grado. Beatrice Marani era stata condannata a 15 anni e 4 mesi di reclusione, Leonardo Morara a 14 anni e 20 giorni, Simone Giovanni Palombo a 9 anni, 4 mesi e 20 giorni e Ayoub Kobabi a 9 anni e 5 mesi. La morte del 19enne è stata invece ritenuta conseguenza di un altro reato, ovvero lo spaccio di metadone, per Beatrice Marani, che "passò" a Ballardini la dose letale di metadone. Gli altri tre imputatati: Leonardo Morara è passato a un anno e 600 euro di multa, con revoca dei domiciliari. Simone Giovanni Palombo e Ayoub Kobabi, invece, hanno rimediato otto mesi ciascuno con pena sospesa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La morte di Ballardini

Ballardini, la cui scomparsa venne denunciata dai genitori, venne trovato morto a bordo di una "Volkswagen Polo" nei pressi di via San Giorgio, a Lugo. Dall'autopsia, effettuata dalla dottoressa Loredana Buscemi, emerse che a uccidere il 18enne era stato un'edema polmonare dovuto a un mix letale di sostanze. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori (le indagine sono state seguite in prima battuta dai Carabinieri della Compagnia di Lugo), la vittima era uscita la sera precedente con l'amica 22enne, facendo uso di metadone e farmaci. I due vennero poi raggiunti dagli altri tre amici, proseguendo nell'assunzione di stupefacenti. Una serata, un mercoledì sera, storditi da sballo e droghe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Sanità innovativa: in ospedale uno strumento che colpisce le cellule tumorali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Si schianta con l'Harley contro il new jersey: motociclista gravissimo

  • Quattro ristoranti ravennati premiati al 'Gran Premio internazionale della ristorazione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento