rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca Faenza

Addio a Giuliano Bettoli, il sindaco Malpezzi: "Era un tutt'uno con Faenza"

"Difficile credere che Giuliano ci abbia veramente lasciati - afferma il sindaco Giovanni Malpezzi -. Oltre ad essere una persona umanamente e intellettualmente straordinaria, Giuliano era un tutt'uno con Faenza, colui che più di tutti ne rappresentava il corpo e l'anima"

Si è spento nella notte tra venerdì e sabato Giuliano Bettoli. "Difficile credere che Giuliano ci abbia veramente lasciati - afferma il sindaco Giovanni Malpezzi -. Oltre ad essere una persona umanamente e intellettualmente straordinaria, Giuliano era un tutt'uno con Faenza, colui che più di tutti ne rappresentava il corpo e l'anima. Di tanti si dice - a volte con un pò di retorica - che lasceranno un vuoto e ci mancheranno. Per Giuliano è quantomai riduttivo. Faenza perde la sua principale memoria storica, colui che in questi anni, con inesauribile passione e curiosità condita da un'ironia e una simpatia fuori dal comune ha rappresentato l'autocoscienza dei faentini, scavando nella nostra storia passata come studioso delle tradizioni faentine e come commentatore di quella attuale, sottolineandone vizi e virtù con ironia e arguzia impareggiabili".

"Poliedrico com'era è impossibile anche solo tentare di riassumere Giuliano e le mille iniziative che lo hanno visto protagonista, dalla passione per il teatro con la Filodrammatica Berton a Radio 2001 Romagna e all’omonima rivista, pubblicata in sodalizio con la Tipografia Faentina. Giuliano sarà sempre nel patrimonio inestimabile di ricerche, di aneddoti, di racconti quasi sempre in dialetto, nati spesso dalla collaborazione con i periodici faentini. Piccoli affreschi, quasi dei versi, intrisi di ironia, cultura, storia, dialetto, la cui lettura ha rappresentato per i faentini una tra le consuetudini più piacevoli - conclude -. Faenza lo ha premiato nel 1982 come Faentino sotto la Torre, ma l'onorificienza che credo gli stesse più a cuore era quella di "sindaco del Borgo", il borgomastro" del suo amato Borgo Durbecco. La chiave che mi consegnò anni fa all'interno del locale sopra la Porta delle Chiavi in segno di metaforica pacificazione con il resto della città è tra i ricordi più belli della mia esperienza da sindaco. Grazie Giuliano per tutto quello che sei stato per i tuoi cari, per i tuoi amici, per la tua Faenza. Alla famiglia le più sentite condoglianze mie personali e dell'amministrazione comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Giuliano Bettoli, il sindaco Malpezzi: "Era un tutt'uno con Faenza"

RavennaToday è in caricamento