rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Aiutò i giovani a uscire dal tunnel della droga: è morto Sergio Ghetti

Per anni collaborò con il Centro ravennate di solidarietà per recuperare ragazzi con problemi di tossicodipendenza

Lutto in città. È morto all'età di 94 anni Sergio Ghetti, per anni impegnato come volontario nella lotta alla tossicodipendenza. Già dipendente del Credito Italiano in via Rasponi, Ghetti negli anni '70 si mise al servizio della città entrando nell’Amministrazione dell’Amiu, azienda municipalizzata dell’igiene urbana, cioè della raccolta dei rifiuti. Fu presidente della squadra di calcio aziendale con l'obiettivo di promuoverne la socialità e l’aggregazione del personale. Negli anni ’80, una volta in pensione, s’impegnò per anni, in collaborazione col Ceis, centro ravennate di solidarietà voluto da Ersilio Tonini, allora arcivescovo, per recuperare ragazzi soggetti alla tossicodipendenza. 

Lo ricorda il consigliere comunale Alvaro Ancisi. "Ho perso il fratello maggiore che non ho avuto da vivo. Sergio se n’è andato dritto in Paradiso dal letto in cui da lunghi anni non si muoveva, sereno e sorridente com’è stato con tutti ed in ogni sorte, sofferenza compresa - afferma Ancisi - Sono pochi 94 anni quando ti si stacca un pezzo di cuore. Ero niente più che un pulcino, della cova numerosa di San Zvan dla zòla, San Giovanni Battista dei frati carmelitani per la Curia, quando mi prese sotto le ali, seguendomi passo per passo, fin quasi ai miei primi quarant’anni, quando avevo messo insieme una famiglia e la sua si era fatta larga. Lui non insegnava, non tracciava la strada, ti faceva capire da che parte andare parlando senza dire. Ti ascoltava come se recitassi il vangelo, con dolcezza, tirandoti fuori l’anima. Condivideva con te le allegrie e i successi. Ti sfumava le amarezze. Ti sollevava dagli abbattimenti. Come quando morì mia madre".

"Nel modo di porgersi, con umiltà, leggerezza e benevolenza, era la persona giusta per incoraggiarli a prendersi cura e stima di sé, primo passo per riprendere possesso della loro vita. Ne allacciava la conoscenza e l’amicizia andando a trovarli nei loro luoghi di sosta, come piazza San Francesco o i Giardini pubblici di viale Santi Baldini - racconta il consigliere comunale di Lista per Ravenna - Stabiliva con ciascuno un dialogo alla pari, fatto di ascolto e comprensione, offerta di speranza e di un futuro, fino ad accompagnarli di persona ad Amelia, presso la Comunità Incontro di don Gelmini. Ancora in quegli anni, mise a disposizione la sua famiglia come affidataria di minori in gravi difficoltà, collaborando strettamente col Consorzio ravennate per i servizi socio-sanitari".

"È stato un grande appassionato di musica classica, in particolare dell’opera lirica, di cui era fine conoscitore e grande esperto fin da ragazzo. Passione coltivata ininterrottamente, seppe trasferirla ad amici e conoscenti, ma ancor più ai figli Paola, Claudia, Chiara e Giuseppe e ai dieci nipoti, che portava con sé alle rappresentazioni estive dell’Arena di Verona, fierissimo di tante gioie. Nelle ultime immagini che ho di lui, lucidissimo di mente e di ricordi, ero accanto al letto di casa a cui era inchiodato. Teneva forte la mia mano nella sua - continua Ancisi - Mi parlava con la stessa amorevolezza, lo stesso feeling, la stessa vivacità di spirito di quando ci conoscemmo, e poi di sempre. Intorno, Lucia, amatissima consorte, che, insieme ai suoi cari, gli ha reso più lievi le tante asperità. All’altezza dei suoi occhi, una televisione mostrava e suonava in continuazione musica classica ed operistica. Quella che infine l’ha rapito e accompagnato con dolcezza verso l’armonia perfetta, un concerto di anime belle e gentili. Tienimi il posto, almeno nel loggione, Sergio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aiutò i giovani a uscire dal tunnel della droga: è morto Sergio Ghetti

RavennaToday è in caricamento