Mostra su Dante a Forlì, de Pascale: "Ma nostro Museo Dantesco è la chiusura del viaggio del turista in Italia"

Per il sindaco il "derby" tra Forlì e Ravenna nato dopo l'annuncio della mostra dedicata a Dante al San Domenico in occasione del 700esimo anniversario della morte del Sommo Poeta è "una lettura molto sbagliata"

La presentazione della mostra di Forlì a Firenze

Per il sindaco Michele de Pascale il "derby" tra Forlì e Ravenna nato dopo l'annuncio della mostra dedicata a Dante al San Domenico in occasione del 700esimo anniversario della morte del Sommo Poeta è "una lettura molto sbagliata". E' lo stesso primo cittadino ravennate a commentare la polemica direttamente da Firenze, dove giovedì mattina è stata presentata la futura mostra forlivese.

"C'è stato invece un lavoro di squadra - precisa de Pascale - Quando c'è qualcosa di positivo in una città della Romagna, nelle altre città scatta l'invidia prima ancora di vedere gli eventuali punti di contatto e di collaborazione. Ravenna ha una grande specializzazione negli eventi dal vivo, Forlì invece da quando ha iniziato a investire in cultura ha puntato sui momenti espositivi. Questo non significa che Forlì non faccia musica dal vivo nè che Ravenna rinunci alle mostre, però ci sono delle specializzazioni. Forlì non ha mai fatto, ad esempio, il Forlì Festival in concorrenza al Ravenna Festival".

Il sindaco della città dei mosaici ha inoltre annunciato che "tutti i visitatori della mostra di Forlì potranno avere un biglietto gratuito per il riallestimento del museo dantesco nei Chiostri francescani che Ravenna vuole fare coinvolgendo tutta la Romagna. La mostra porterà grandi benefici, e anche Rimini si sta organizzando per valorizzare la figura di Francesca da Rimini". In particolare, De Pascale indca "il ri-allestimento del Museo Dantesco" come "il culmine, la fine di un percorso dantesco del turista in Italia. Chiunque visiterà gli eventi del 700° anniversario dantesco, quello di Forlì ma anche gli altri, avrà accesso gratuito del Museo Dantesco, una sorta di compimento dell'itinerario davanti alle spoglie mortali di Dante. Grazie a tutti, otterremo grandi risultati tutti insieme”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quando la cultura unisce e non divide ne guadagniamo tutti - aggiunge il deputato romagnolo Marco Di Maio - 700 anni dopo la scomparsa di Dante Alighieri, Forlì, Firenze e Ravenna collaboreranno per celebrare il più famoso dei poeti italiani. Sarà un’occasione per fare squadra e promuovere la nostra cultura a livello nazionale e mondiale, senza perdersi in divisioni e campanilismi che forse solo all’epoca di Dante potevano avere un senso. L’abbiamo sempre sostenuto: con l’arte si mangia, si cura l’anima e la mente, ma anche il territorio e le economie locali. Questa è l’occasione giusta per dimostrarlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • La giovane che sfida la crisi per realizzare il suo sogno: aprire un forno-cioccolateria

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • Scoppia un focolaio di Coronavirus in casa di riposo: 50 contagi

  • Mucche picchiate con bastoni e chiavi inglesi: per l'allevatore 120 ore di lavori di pubblica utilità

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento