menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I musicisti della Cherubini scrivono a Conte: "Abbiamo dimostrato che i teatri sono luoghi sicuri"

Gli orchestrali di Ravenna testimoniano al premier la propria amarezza: "In 2.782 spettacoli monitorati dal 15 giugno a inizio ottobre, si è registrato 1 solo caso di contagio"

Non tardano a giungere le reazioni al nuovo decreto del Governo diffuso domenica 25 ottobre per rallentare la diffusione del Covid-19. Ed è subito il mondo della musica a far sentire la propria voce. Infatti i musicisti dell’orchestra Cherubini di Ravenna, con il benestare del maestro Riccardo Muti, hanno scritto e inviato una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

"Noi musicisti dell'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, in seguito alla firma del nuovo DPCM e alla sospensione degli spettacoli al pubblico in sale teatrali e da concerto, vorremmo sottoporVi la nostra grande preoccupazione per le sorti di un settore che già era stato messo a dura prova durante lo scorso lockdown. Siamo sicuri che l'intero mondo dello spettacolo dal vivo ha appreso con grande amarezza e frustrazione questa novità, specialmente considerati il grande sforzo e spirito di adattamento che tutti noi lavoratori dello spettacolo abbiamo messo in campo per rispettare al meglio le norme igienico-sanitarie.

I dati epidemiologici erano dalla nostra parte: come dimostrato da un'indagine elaborata dall'AGIS, su 347.262 spettatori in 2.782 spettacoli monitorati tra lirica, prosa, danza e concerti, con una media di 130 presenze per ciascun evento nel periodo 15 giugno 2020 ad inizio ottobre, si è registrato 1 solo caso di contagio da COVID-19. L'intero settore dello spettacolo si è dimostrato rispettoso e attento, grazie soprattutto alla professionalità di tutti i lavoratori e al senso civico degli spettatori.
 
Abbiamo dimostrato che i teatri sono luoghi sicuri e per questo vogliamo ribadire il nostro desiderio di continuare a fornire un servizio estremamente importante e fondamentale per una società civile, democratica e virtuosa. Siamo sicuri che vorrete comprendere la nostra preoccupazione e prevedere delle misure che possano restituirci la possibilità di mettere in pratica il nostro amato lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento