rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Natale 2016, fervono i preparativi nei capanni. Giudizi contrastanti tra i ravennati

Sono azzurri, bianchi, verdi, marroni. Esattamente come quelli che li hanno ispirati, che si trovano sui pochi tratti di spiaggia libera a Marina di Ravenna.

Sono azzurri, bianchi, verdi, marroni. Esattamente come quelli che li hanno ispirati, che si trovano sui pochi tratti di spiaggia libera a Marina di Ravenna. Quei capanni da spiaggia che sono ritratti anche nelle foto che sono affisse alle porte sul retro di questi capanni che, invece, si trovano in piazza del Popolo, ancora chiusi ma che dal 15 dicembre saranno aperti per vendere oggettistica di Natale e prodotti tipici del territorio. Sono il segno più tangibile del nuovo Natale ravennate, che ha salutato le casette in stile nordico per accogliere queste coloratissime capannine che, però, fuori dal loro contesto hanno fatto venire qualche dubbio ai ravennati.

Capanni di Natale, i preparativi

"Personalmente non li trovo molto diversi da quelli dell'anno scorso, a parte i colori" commenta una donna. "Ma è vero che venderanno solo cibo? Che senso ha? Nelle altre città si possono comprare addobbi e regalini, perché a Ravenna no?" le fa eco un'altra.
In realtà, basta guardare le insegne per capire che ci saranno tanti prodotti dell'enogastronomia locale, ma l'oggettistica non mancherà. L'obiettivo di Tuttifrutti, agenzia vincitrice del bando per l'allestimento in piazza del Popolo, era proprio quello di offrire una merceologia più variegata e più legata alle tradizioni nostrane rispetto a quella degli anni passati.

"Brutti non sono, ma quando aprono? Mi sembra tardi. E poi non mi è sembrato giusto cacciare dalla piazza più importante i volontari dell'Advs, considerando che per tanti anni qui hanno fatto tutto loro". A parlare, questa volta, è un uomo, che dice di chiamarsi Giorgio - "ma il cognome no, non glielo dico mica, sa" - e che osserva assorto i preparativi, appoggiato alla sua bici sotto i portici di palazzo Merlato.
Chi vuole criticare, come sempre, ha più voglia di farsi sentire. Ma non manca chi, anche se di sfuggita, si lascia andare a un commento: "I ravennati sono sempre i soliti, non gli va mai bene niente. Tutto resta uguale e si lamentano; si prova a cambiare e si lamentano. Io dico: vediamo. A me questi capanni sembrano anche belli!"

Non resta, dunque, che attendere giovedì 15, quando i capanni saranno aperti e cominceranno la vendita. E per i bilanci ci sarà tempo a feste terminate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale 2016, fervono i preparativi nei capanni. Giudizi contrastanti tra i ravennati

RavennaToday è in caricamento