Naufragio migranti, sindacati in piazza: "Neutralizzare i mercanti di morte"

Per manifestare il loro impegno, il loro dolore e la loro solidarietà, Cgil Cisl e Uil hanno organizzato per martedì un presidio davanti alla prefettura di Ravenna, in piazza del Popolo

In una settimana più di mille morti, tra cui molte donne e bambini, "causati dalla spregiudicatezza e mancanza di scrupoli dei mercanti di morte a cui persone disperate affidano le loro vite nella speranza e nella ricerca di un futuro migliore. La forza della disperazione supera la paura di morire in mare". Per manifestare il loro impegno, il loro dolore e la loro solidarietà, Cgil Cisl e Uil hanno organizzato per martedì un presidio davanti alla prefettura di Ravenna, in piazza del Popolo.

I sindacati esprimono il loro profondo dolore per queste vittime, "che scappano per sfuggire alle atrocità presenti nella loro terra, ma che spesso, troppo spesso, vanno incontro a morte sicura". Al tempo stesso i sindacati confederali chiedono "una forte assunzione di responsabilità da parte di tutti i soggetti istituzionali, nel nostro Paese e nell’Unione Europea, affinché vengano al più presto adottate misure e interventi capaci di dare le necessarie risposte, neutralizzare i mercanti di morte e scongiurare le stragi che si susseguono di giorno in giorno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

Torna su
RavennaToday è in caricamento