rotate-mobile
Cronaca Faenza

Nella notte si schianta contro lo spartitraffico: automobilista stanato dalle telecamere

L'uomo lunedì mattina è stato convocato al Comando di via Baliatico e ha attribuito l’incidente a un errore di distrazione

È stato individuato e convocato presso il comando della Polizia locale di Faenza l'automobilista che domenica mattina alle 4 ha distrutto con la propria auto un ‘petalo’ della Rosa dei venti, lo spartitraffico in pietra all’incrocio tra corso Mazzini, corso Baccarini e via Cavour. Il manufatto domenica mattina era stato trovato fortemente danneggiato e la cosa era stata segnalata al centralino della Polizia locale.

Dopo un sopralluogo sul posto, gli agenti della Polizia locale dell’Unione avevano accertato che il ‘petalo’ era stato centrato da un’auto. Dall’analisi delle immagini delle telecamere della videosorveglianza cittadina, che avevano ripreso l’intera scena, si è risaliti al numero di targa del mezzo, una Lancia Y, e al suo conducente. Si tratta di un 36enne faentino che ha impattato in maniera violentissima con la sua auto contro lo spartitraffico.

L'uomo lunedì mattina è stato convocato al Comando di via Baliatico e ha attribuito l’incidente a un errore di distrazione. Visto che nel sinistro non sono state coinvolte persone all’automobilista, secondo quanto sancito dal Codice della Strada, verranno comminate solo le violazioni amministrative, quantificabili in diverse centinaia di euro, per aver perso il controllo del veicolo ed essersi allontanato senza avvisare le autorità di quanto accaduto e quindi senza fornire i dati, uno degli obblighi ai quali si devono attenere i conducenti dei veicoli anche nel caso il sinistro sia senza feriti.

A oggi, dall’inizio dell'anno, 123 è il numero degli incidenti stradali nei quali sono intervenute le pattuglie della Polizia locale dell’Unione della Romagna Faentina per i rilievi di legge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella notte si schianta contro lo spartitraffico: automobilista stanato dalle telecamere

RavennaToday è in caricamento