Notte Rosa 2016 sotto tono nei lidi. L'assessore: "O si rilancia o si cambia rotta"

A breve un incontro con le associazioni di categoria. Anche l'ex consigliere provinciale Spadoni interviene sul tema: "Servono idee nuove".

L'assessore al Turismo Giacomo Costantini

Una Notte Rosa a due velocità: bene il centro storico, meno bene i lidi. Questa l'impressione avuta dal neo assessore al Turismo Giacomo Costantini, dopo i  sopralluoghi del week end.
"Venerdì sera il centro è andato bene. Ma nei lidi ho notato una stanchezza generalizzata. Sicuramente non si respirava l'attesa degli anni precedenti. Credo che siamo a un punto di svolta, perché alla Notte Rosa o si crede o si cambia direzione. Se si decide di crederci bisogna elaborare una proposta che ci differenzi da Rimini. Altrimenti, meglio puntare su altro".
La strada da prendere verrà decisa insieme alle associazioni di categoria, che Costantini incontrerà non appena il suo insediamento sarà effettivo al cento per cento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SPADONI: "BOCCATA D'OSSIGENO PER GLI IMPRENDITORI" - L'ex consigliere provinciale Gianfranco Spadoni non è d'accordo con le impressioni dell'assessore Costantini, ma chiede comunque un rinnovamento dell'offerta. "Gli operatori economici dopo il recente periodo non certo positivo per la loro attività stagionale stanno incassando i risultati positivi dell’undicesima edizione della Notte Rosa. La Notte Rosa - scrive Spadoni in una nota - fa registrare numeri molto importanti in termini di presenze e di fatturato complessivo.
Ciò premesso, tuttavia, andrebbe valutata e approfondita l’ipotesi di non concentrare le attività, e quindi anche gli impegni di spesa, in soli pochi giorni rispetto alla stagionalità che tutti i soggetti interessati vorrebbero ampliare. Inoltre, proprio riguardo all’evento in oggetto, occorre non dormire sugli allori puntando su elementi d’innovazione, anche tenendo conto di un’analisi condotta da un Istituto di ricerca - Trademark - il quale sulla base dei dati degli autoveicoli in uscita dai caselli autostradali di Rimini e Cattolica proprio nella notte Rosa, registra un forte calo rispetto al 2011.  Quell’anno i veicoli transitati nei “tre giorni rosa” furono 146.485; nel 2012 erano scesi a 133.154, a 135.683 nel 2013, sino ad arrivare a 136.452 nel 2014 e poco di più nel 2015.
In altre parole l’obiettivo alla base dell’evento estivo è certamente valido, tuttavia occorre riempire il contenitore rosa con idee e iniziative nuove e soprattutto con  offerte turistiche sempre più rinnovate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento