menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tariffe Tari, novità in arrivo: "Agevolazioni per le attività imprenditoriali"

Per quanto riguarda le tariffe Tari in generale, il montante complessivo risultante dal Piano economico e finanziario approvato dal comitato locale di Atersir è di 29.634.769,55 euro

In occasione dell’assemblea Confesercenti, il sindaco Michele de Pascale ha annunciato le novità riguardanti la Tari con particolare riferimento ai ristoranti. Le novità riguarderanno anche altre attività economiche. "Manteniamo fede a un altro degli impegni che ci eravamo presi - commenta il sindaco - ridurre e ricalibrare l’imposizione nei confronti degli imprenditori. Ci siamo confrontati con il Tavolo provinciale delle associazioni imprenditoriali e abbiamo cercato di recepire il più alto numero possibile delle richieste. Ad esempio per quanto riguarda i ristoranti per l’anno 2017 abbiamo deciso di ridurre del 20% la tariffa relativa alla parte di locale eccedente i 150 metri quadri".

"Inoltre - aggiunge - attraverso alcune modifiche al regolamento sull’applicazione della Tari estendiamo le agevolazioni previste per il caso di contestuale produzione di rifiuti urbani o assimilati e rifiuti speciali, a favore delle officine di meccanici auto-moto, carrozzerie auto, calzaturifici, maglifici, falegnamerie, locali di fabbri, idraulici ed elettricisti, rimodulando le riduzioni da un minimo dell'11% ad un massimo del 37%; e per la prima volta introduciamo un’agevolazione nei confronti delle utenze non domestiche, che seppur allacciate ai pubblici servizi di erogazione idrica, elettrica, e altro, sono tenute vuote".

"Abbiamo poi modificato le scadenze di pagamento Tari 2017, dilazionandole maggiormente attraverso la previsione delle stesse a fine giugno, fine settembre e fine dicembre - chiosa  -. La prima rata comprenderà la tassa del primo quadrimestre e non del primo semestre, come invece negli anni precedenti, con indubbio vantaggio per cittadini e aziende. Questi sono solo alcuni primi provvedimenti, nel segno dell’equità, ai quali ne seguiranno altri”.

ESEMPI - Per fare un esempio numerico, un ristorante di 400 metri quadrati che nel 2016 ha pagato complessivamente 6.909 euro (2.843 euro per la parte fino a 150 metri quadrati ed 4.066 euro per la parte eccedente i 150 metri quadrati), nel 2017 pagherà un totale di 6.129 euro (2.877 euro per la parte fino a 150 metri quadrati ed 3.252 euro per la parte eccedente i 150 metri quadrati). In entrambe i casi va aggiunta la percentuale del 5% che per legge va alla Provincia, quindi gli importi esatti sono 7.254 euro del 2016 contro gli 6.435 euro del 2017.

TARIFFE IN GENERALE - Per quanto riguarda le tariffe Tari in generale, il montante complessivo risultante dal Piano economico e finanziario approvato dal comitato locale di Atersir è di 29.634.769,55 euro, tolte le sanzioni e la penale addebitate al gestore Hera in relazione al disservizio verificatosi nel mese di aprile 2016, per un totale di 231.839,25 euro. Il 60,24% del montante sarà coperto dalle utenze domestiche e il 39,76% da quelle non domestiche. Le tariffe, sia relative alle utenze domestiche che a quelle non domestiche, non subiranno scostamenti di rilievo rispetto al 2016, prevedendo un modesto incremento medio di circa l’1,2% ascrivibile prevalentemente ai maggiori costi relativi ad attività e progetti di efficientamento e potenziamento dei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti. "Naturalmente tutti provvedimenti relativi alla Tari saranno oggetto di confronto nella commissione consiliare competente, prevista per il 28 marzo, prima della definitiva votazione del Consiglio comunale il 31 marzo", conclude De Pascale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento