rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

Nozze gay in municipio, il Comune ha incassato 150 euro per la sala

Era Forza Italia a chiedere chiarimenti rispetto ai costi della cerimonia. "Le signore hanno gia' versato al Comune la somma di 150 euro per l'uso della sala. Atto non dovuto che io apprezzo" ha rilevato il sindaco

La simulazione delle “nozze gay” in municipio a Ravenna continua a tenere banco nelle polemiche politiche. In particolare dall'opposizione era stato chiesto se il Comune aveva versato del denaro per questo atto. Non è così: anzi, il Comune ha ricevuto un “affitto” di 150 euro. E'ql'importo che hanno versato al Comune la giornalista Carla Baroncelli e la dipendente comunale Barbara Domenichini per la rappresentazione di un matrimonio gay, non essendo possibile celebrare un rito con i crismi di legge, domenica scorsa nel Municipio.

Alle “nozze gay” erano presenti il sindaco Fabrizio Matteucci (Pd) e di due assessori, Valentina Morigi di Sel e Rosa Giovanna Piaia di Pdci. A fornire il dettaglio dell'importo è stato Matteucci, che ha risposto ad un question time al Consiglio comunale di giovedì pomeriggio. Era Forza Italia a chiedere chiarimenti rispetto ai costi della cerimonia. "Le signore hanno gia' versato al Comune la somma di 150 euro per l'uso della sala. Atto non dovuto che io apprezzo" ha rilevato il sindaco.

Matrimonio gay a Ravenna (foto Argnani)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nozze gay in municipio, il Comune ha incassato 150 euro per la sala

RavennaToday è in caricamento