Una nuova strumentazione medica all’Hospice grazie allo Ior

Si tratta di un visualizzatore ad infrarossi del letto venoso che, permetterà di individuare facilmente le vene dei pazienti, anche quando presentano una fragilità capillare e venosa

L’Istituto Oncologico Romagnolo ha donato all’Hospice “Villa Adalgisa” di Ravenna un Accuvein AV300, strumentazione medica all’avanguardia dal valore di quasi 10mila euro. Si tratta di un visualizzatore ad infrarossi del letto venoso che, permetterà di individuare facilmente le vene dei pazienti, anche quando presentano una fragilità capillare e venosa. L’obiettivo con questa dotazione è quello di creare meno disagio possibile ai pazienti, aumentando la loro qualità di vita e di cura. L'Istituto Oncologico Romagnolo, da sempre attento alla qualità di vita e al livello di cura dei pazienti in fase critica di malattia, ha continuamente sostenuto la rete di Hospice romagnoli, in particolare dell’Hospice “Villa Adalgisa”, nel quale il personale medico e i volontari dello Ior si prendono dei pazienti e dei loro famigliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

  • Picco di enterococchi in mare: scatta il divieto di balneazione

Torna su
RavennaToday è in caricamento