rotate-mobile
Cronaca Lugo

Sanità, due nuovi primari per l’ospedale di Lugo: dirigeranno Radiologia e Chirurgia Generale

Presentati Fabio Ansaloni, che dirigerà l’unità operativa di Radiologia, e Nicola Fabbri, direttore di Chirurgia Generale

Due nuovi incarichi di direzione per la guida di altrettante strutture complesse che rivestono un ruolo chiave sul fronte della medicina ospedaliera. La Direzione generale dell'Ausl Romagna ha nominato due nuovi primari per l'ospedale di Lugo. Si tratta del dottor Fabio Ansaloni, che sarà a capo del reparto di Radiologia, e del dottor Nicola Fabbri, alla direzione del reparto di Chirurgia generale. I due primari sono stati presentati mercoledì mattina.

Già in servizio nel reparto di Radiologia di Lugo dal maggio 2019 e con un incarico di Direttore facente funzione attribuitogli nel febbraio 2020, con la nuova nomina il dottor Fabio Ansaloni è ora direttore dell'unità operativa lughese. Nato a Lugo, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000, si specializza in Radiodiagnostica nel 2004. La sua carriera professionale inizia a Bologna nel febbraio 2005 presso l’Unità Operativa di Radiologia del Policlinico S. Orsola. A giugno 2005 viene assunto presso il presidio ospedaliero di Ravenna come dirigente medico di Radiodiagnostica dove, dal 2013, svolge anche il ruolo di responsabile della qualità. Nel 2018 ha contribuito alla stesura della Procedura Aziendale sull’esecuzione di indagini di risonanza magnetica nei pazienti portatori di dispositivi cardiaci e ha partecipato in qualità di docente ai relativi corsi di formazione nei presidi ospedalieri di Ausl Romagna. Da dicembre 2019 è titolare di un incarico qualificato denominato “Diagnostica cardio-radiologia TC-RM”. 
Sempre nel 2019 inizia a svolgere la propria attività presso il presidio ospedaliero di Lugo. Nel 2020, con l’emergenza Covid si è occupato della riorganizzazione delle attività ambulatoriali: nella fase I garantendo l’esecuzione delle prestazioni urgenti, oncologiche e non procrastinabili; nella fase II, riorganizzando la ripresa di tutta l’attività per esterni in modo da garantire il distanziamento tra i pazienti e la sicurezza degli utenti e degli operatori. Successivamente, al fine di recuperare nella fase post pandemica le indagini radiologiche ordinarie sospese, ha promosso all’interno della U.O. di Lugo l’attività aggiuntiva serale. Sempre nel 2020 ha sostenuto per la Radiologia di Lugo (esteso poi a tutto l’ambito di Ravenna) l’introduzione del portale di ritiro “on-line” dei referti e della documentazione radiologica, utilizzabile anche per i pazienti che non erano in possesso del Fascicolo Sanitario Elettronico. Svolge prevalente attività nel campo delle alte tecnologie (TC e RM), con particolare riferimento ai distretti toraco-addominale, specie in campo oncologico e di urgenza-emergenza, alla patologia cardio-vascolare, muscolo scheletrica e gastroenterologia.

Nicola Fabbri, si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1991, all’Università di Ferrara, sua città d’origine e consegue la specializzazione in Chirurgia Generale nel 1997, dopo aver svolto attività di ricerca e chirurgica negli Stati Uniti (Cleveland Ohio) presso il “Departments Of Colorectal Surgery and Patology”, in qualità di Research Fellow. Dal luglio 1998, presta servizio, in qualità di Assistente Chirurgo di Chirurgia Generale, presso l’ospedale di Stato della Repubblica di San Marino, indirizzando in particolare i propri interessi professionali verso una chirurgia generale ad indirizzo oncologico, soprattutto gastro-enterico. Approda in Emilia Romagna all’Ausl di Ferrara nel 2002, sviluppando competenze nella chirurgia oncologica e nella chirurgia proctologia. Arriva all’ospedale Bufalini di Cesena nel 2005, rivolgendo la sua attività anche alla chirurgia d’urgenza e dei traumi maggiori. E’ stato componente per l’Ausl di Cesena per l’attività di prelievo di rene e, dall’agosto 2011, è responsabile chirurgo del percorso per lo screening del cancro del colon-retto. Nel 2012 diventa responsabile del percorso chirurgico-oncologico delle neoplasie del tratto gastroenterico che prevede la pianificazione del percorso diagnostico-terapeutico multidisciplinare e la presa in carico dei pazienti affetti da malattia oncologica. 

Nell’ottobre 2016 consegue il Diploma di Istruttore Nazionale “Advanced Trauma Life Support (ATLS), ottenendo l’abilitazione all’insegnamento a livello nazionale delle tecniche avanzate nel campo dei traumi maggiori. Nel 2017 diviene direttore f.f. dell’U.O. di Chirurgia Generale e d’Urgenza dell’ospedale di Cesena, esperienza ed incarico che ripete dall’ottobre 2020 al maggio 2021. Nel 2012 e nel 2019 gli viene conferito un incarico professionale qualificato (IPQ) rispettivamente sull’organizzazione dei percorsi di chirurgia oncologica e sui percorsi di gestione dell’urgenza chirurgica e della chirurgia del trauma. Nel dicembre 2021 altro incarico dirigenziale di alta specializzazione (AP) denominato chirurgia del politrauma grave e percorsi di centralizzazione e step-down, afferente alla U.O. di chirurgia generale e d’urgenza dell’ospedale di Cesena. Nella sua carriera ha svolto attività di docenza e tutoraggio per gli studenti del corso universitario di medicina e chirurgia, per gli specializzandi di chirurgia generale e per gli studenti di scienze infermieristiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, due nuovi primari per l’ospedale di Lugo: dirigeranno Radiologia e Chirurgia Generale

RavennaToday è in caricamento