rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Cervia

Nuovo parco pubblico della Bassona: ecco come diventerà

Il progetto individua zone maggiormente vocate alla socializzazione, alle attività sportive all’aria aperta, alle attività ricreative e didattiche

Lo studio di architettura al primo posto della graduatoria definitiva del Concorso Internazionale di progettazione per il nuovo parco Urbano di Cervia-Milano Marittima è Alpina Spa di Milano. Si chiude così la prima fase del progetto strategico che, cardine del programma di legislatura del sindaco Massimo Medri, intende realizzare il più grande parco urbano della costa adriatica. Con l’individuazione del progetto vincitore ora l’amministrazione procederà con gli ulteriori passaggi previsti dall’iter di progettazione. Contemporaneamente questa estate verranno messe in atto una serie di azioni per coinvolgere e informare residenti e turisti sulla realizzazione del Parco, che potenzierà ulteriormente l’anima verde di Cervia e la sua vocazione alla sostenibilità, con l’obiettivo di migliorare la qualità delle diverse forme urbane e rivalutare gli elementi identitari del territorio.

Contenuti del progetto vincitore

La commissione giudicatrice, presieduta dall’ingegner Daniele Capitani, rappresentante della Stazione Appaltante, e composta dagli architetti Sandra Vecchietti, Alfonso Femia, Michelangelo Pugliese; Flavia Mazzoni, responsabile del Servizio Verde del Comune di Cervia, ha decretato che il progetto vincitore è quello che più degli altri risponde a quanto richiesto nel disciplinare del Concorso internazionale e che prevede nell’area individuata (zona Bassona) la tutela e la valorizzazione del verde oltre a una riqualificazione/rigenerazione soprattutto dopo gli eventi calamitosi del 10 luglio 2019. Il progetto infatti mette in risalto i caratteri prettamente naturalistici della pineta; individua zone maggiormente vocate alla socializzazione, alle attività sportive all’aria aperta, alle attività ricreative e didattiche, nel rispetto dell’ambiente naturale esistente; prevede la rifunzionalizzazione dei contenitori esistenti, di proprietà comunale, in modo che possano operare in sinergia con le attività di pregio già insediate.

Per raggiungere questi obiettivi sono previsti, tra le altre cose, la creazione di nuove aree boschive con l’impiego di specie forestali autoctone, la messa in rete e riqualificazione di tutte le strutture già esistenti, prevedendo la riconversione degli immobili sottoutilizzati in chiave turistico-ricreativa; nuovi percorsi ciclabili e pedonali e riqualificazione degli esistenti, prevedendo in particolare collegamenti con il centro di Milano Marittima, con le Terme e con il parco naturale; spazi dedicati all’attività sportiva all’aria aperta; la rigenerazione forestale dell’area colpita dagli eventi atmosferici del 10 luglio 2019; aree dedicate alla biodiversità (laghetti, stagni, canali, ecc…); la “stanza degli uccelli”, intesa come la creazione di habitat naturali che stimolino la permanenza e la riproduzione di specie ornitiche stanziali e incrementino la presenza delle specie migratorie.

Le azioni per informare la comunità

Come detto, nel corso dell’estate verranno messe in campo una serie di azioni per presentare il progetto a cittadini e turisti e per farlo conoscere nei suoi dettagli, tra cui una presentazione pubblica, una mostra diffusa per promuovere il nuovo Parco Urbano nelle varie zone comunali, materiale per la comunicazione tradizionale ed emozionale. Inoltre, sempre durante l’estate, si prevede di organizzare un concorso per definire, insieme alla comunità, nome, brand e logo della nuova realtà.

“Il Parco Urbano di Cervia sarà una grande opera europea, un esempio di come si può mantenere un grande polmone verde, arricchendolo di funzioni e recuperando i manufatti ormai pericolanti - commenta il sindaco Massimo Medri - Le aree verdi saranno ampliate, rigenerare e rinforzate per favorire la biodiversità, secondo le esigenze e le conoscenze moderne. Sarà un luogo unico e un unicum internazionale, un prodotto turistico per i tanti amanti del verde e dell’ecosostenibile. Le acque assumeranno maggior valore, insieme alle alberature; sarà un isola green dove trascorrere l’intera giornata a contatto con la natura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo parco pubblico della Bassona: ecco come diventerà

RavennaToday è in caricamento