Oltre 43 anni nella Cgil, Idilio Galeotti: "In pensione mi dedicherò all'arte e alla cultura"

"Sono stati anni di grande formazione personale, in varie categorie e responsabilità fino al livello nazionale, ed io ho cercato di ricambiare con tanto impegno e passione per ogni incarico che ho seguito"

Idilio Galeotti, prossimo alla pensione, dopo 43 anni e due mesi, termina la sua esperienza sindacale in Cgil, nella quale ha ricoperto diversi ruoli e responsabilità. Il sindacalista, che ha ricoperto ruoli di responsabilità nazionale, traccia un bilancio della sua esperienza professionale: "Sono stati anni di grande formazione personale, in varie categorie e responsabilità fino al livello nazionale, ed io ho cercato di ricambiare con tanto impegno e passione per ogni incarico che ho seguito".

Galeotti ha iniziato il lavoro nel 1977 in fabbrica all’Alpi di Modigliana: "Dopo un po’ di anni, mi è stato chiesto di entrare nella Cgil di Faenza dove ho seguito il mercato del lavoro, immigrazione e disoccupati. Poi sono entrato nel Flai, nel settore agroalimentare, occupandomi di industria, agricoltura e magazzini ortofrutticoli. Nel 1996 sono diventato segretario provinciale a Ravenna della Filtea, settore tessile abbigliamento calzaturiero, partecipando ad importanti convegni a Bruxelles e Lussemburgo come giovane sindacalista. Nel 1999 sono stato eletto segretario provinciale del Flai, una grande categoria con oltre 7.000 iscritti".

Poi l'esperienza come segretario nazionale: "Nel 2001 mi è stato chiesto di entrare nel Flai nazionale a Roma e dopo un anno ho assunto la responsabilità nazionale dell'organizzazione, settore con oltre 300.000 iscritti. Sono rimasto per otto anni, seguendo come segretario mazionale due congressi ed una conferenza di organizzazione. A Roma sono stati anni di grande impegno e soddisfazioni, nel confronto con i vari governi che si sono succeduti in Italia e nelle varie commissioni livello Europeo. Ma sono stati anche momenti delicati nel dover affrontare situazioni spinose in varie regioni italiane. La lotta al caporalato e alla mafia, ad esempio, portano anche rischi. Ricordo che sono arrivate minacce, buste con proiettili e anche una mortina, tutti aspetti a carattere intimidatorio e che intendevano fermare la nostra azione di diritti e legalità. Ma pur sapendo dei rischi, siamo sempre stati in prima linea contro lo sfruttamento e il malaffare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi il rientro nel territorio: "Per un anno sono rimasto ancora Roma nella Cgil Nazionale Confederale in corso D'Italia, poi verso la fine del 2009 sono rientrato a Faenza come coordinatore confederale e su indicazione della Cgil ho seguito la vertenza Omsa e il rapporto con i Comuni dei sei del Faentino. Non è stato semplice, ma niente a che vedere con il ruolo nazionale. Li ho passato momenti duri, dove ho ricevuto minacce e ho visto miei colleghi rischiare la vita.  Poi nel 2011 sono segretario provinciale del Nidil (Nuove Identità del lavoro), dove ho seguito tutte le tipologie di lavoro precario e i disoccupati della provincia di Ravenna che sono oltre 35.000 mila. E dal 2015, fino ad oggi sono stato nel dipartimento salute e sicurezza e referente A.F.e.V..A, (Associazione Familiari Vittime Amianto) dove ho attivato insieme al Comune e ai professori, lezioni di docenza sul tema sicurezza con gli studenti delle scuole superiori di Ravenna".

Ora Galeotti volta pagina: "Mi dedicherò a tante cose, fra cui la mia grande passione, l’arte e la cultura, sia come artista e anche come presidente Ics Fectori Art. Ho inoltre scritto libri, “Intrighi nella Capitale” e collaboro con associazioni a livello nazionale, con le quali abbiamo di recente pubblicato un nuovo libro “Azione” dedicato a chi “Si ostina a non arrendersi” per il quale ho contribuito con il capitolo Arte e Innovazione. Ho sempre creduto che la cultura e l’arte non siano mai fine a sé stesse, ma devono essere propedeutiche per il miglioramento di questa società, quindi si cambia solo angolazione rispetto al lavoro di prima, ma i miei obbiettivi per migliorare la società in cui viviamo rimangono tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento