Omc Ravenna apripista verso il G7 di Taormina

Il presidente Omc Innocenzo Titone: "Omc si conferma la più importante occasione di confronto, dibattito e analisi per individuare le strategie energetiche del Mediterraneo"

“Omc si conferma la più importante occasione di confronto, dibattito e analisi per individuare le strategie energetiche del Mediterraneo”: lo ha ribadito il presidente di Omc 2017 Innocenzo Titone, a consuntivo della tredicesima edizione dell’Offshore mediterranean conference & exhibition che si è tenuta a Ravenna dal 29-31 marzo e che si è chiusa con un bilancio complessivo di circa 21 mila  presenze, il 14% in più rispetto al 2015.

“In un format completamente rinnovato, nei contenuti e nella forma, Omc ha presentato le sfide che attendono i Paesi del Mediterraneo per la transizione verso un mix energetico sostenibile. A Ravenna – ha aggiunto Titone – oltre 1.200 delegati, 650 espositori, provenienti da 30 Paesi su un’area espositiva (tra interno e esterno) di  35 mila mq, si sono incontrati per delineare il futuro energetico nel bacino del Mediterraneo, nuovo hub del gas per l’Europa, puntando su sicurezza energetica, cooperazione tra i Paesi, etica ambientale e su nuovi driver energetici per governare la transizione. Nella tre giorni sono stati, tra l’altro, approfonditi i temi della resilienza delle industrie dell’oil&gas che, investendo in ricerca e innovazione tecnologica, possono rimanere competitive in un periodo di calo di prezzi del petrolio, oltre alle sfide di un’economia low carbon, dell’accesso all’energia, dello sviluppo sostenibile, dei cambiamenti climatici e dell’accordo di Parigi e quindi di un’economia circolare”.

Omc ha anticipato alcune tra le principali questioni al centro del G7 Energia appena chiuso a Roma (9-10 aprile) con  il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, ma che saranno ancora oggetto di approfondimento del G7 Ambiente di Bologna (10-11 giugno) con il ministro dell'ambiente, Gian Luca Galletti, fino ad arrivare al 43° G7, il vertice dei Capi di Stato e di Governo, che si terrà il 26 e 27 maggio a Taormina.

“L’ingegno è vedere possibilità dove gli altri non ne vedono”. “Sono le parole di Enrico Mattei, con le quali - ha ricordato Titone – si chiude il video che ha introdotto i lavori di OMC 2017 e che ha ripercorso a volo di uccello la storia del Mediterraneo fin dalle origini. "Ci proiettano verso un futuro che vedrà il gas avere ancora un ruolo fondamentale per ridurre le emissioni e guidare la transizione. Una transizione che è già realtà. Se la prima scoperta di gas risale al 1952 e si deve proprio a quel grande visionario che era Mattei, è significativo che, proprio a margine di Omc – ha concluso Titone - siano maturati gli accordi tra Eni e Comune di Ravenna sul gas in Adriatico che porteranno 2 miliardi di euro di investimenti nel quadriennio 2017-2020 in progetti offshore e il rilancio del Distretto energetico centro-settentrionale, un’eccellenza a livello internazionale”.

Open OMC-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento