Omc Ravenna apripista verso il G7 di Taormina

Il presidente Omc Innocenzo Titone: "Omc si conferma la più importante occasione di confronto, dibattito e analisi per individuare le strategie energetiche del Mediterraneo"

“Omc si conferma la più importante occasione di confronto, dibattito e analisi per individuare le strategie energetiche del Mediterraneo”: lo ha ribadito il presidente di Omc 2017 Innocenzo Titone, a consuntivo della tredicesima edizione dell’Offshore mediterranean conference & exhibition che si è tenuta a Ravenna dal 29-31 marzo e che si è chiusa con un bilancio complessivo di circa 21 mila  presenze, il 14% in più rispetto al 2015.

“In un format completamente rinnovato, nei contenuti e nella forma, Omc ha presentato le sfide che attendono i Paesi del Mediterraneo per la transizione verso un mix energetico sostenibile. A Ravenna – ha aggiunto Titone – oltre 1.200 delegati, 650 espositori, provenienti da 30 Paesi su un’area espositiva (tra interno e esterno) di  35 mila mq, si sono incontrati per delineare il futuro energetico nel bacino del Mediterraneo, nuovo hub del gas per l’Europa, puntando su sicurezza energetica, cooperazione tra i Paesi, etica ambientale e su nuovi driver energetici per governare la transizione. Nella tre giorni sono stati, tra l’altro, approfonditi i temi della resilienza delle industrie dell’oil&gas che, investendo in ricerca e innovazione tecnologica, possono rimanere competitive in un periodo di calo di prezzi del petrolio, oltre alle sfide di un’economia low carbon, dell’accesso all’energia, dello sviluppo sostenibile, dei cambiamenti climatici e dell’accordo di Parigi e quindi di un’economia circolare”.

Omc ha anticipato alcune tra le principali questioni al centro del G7 Energia appena chiuso a Roma (9-10 aprile) con  il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, ma che saranno ancora oggetto di approfondimento del G7 Ambiente di Bologna (10-11 giugno) con il ministro dell'ambiente, Gian Luca Galletti, fino ad arrivare al 43° G7, il vertice dei Capi di Stato e di Governo, che si terrà il 26 e 27 maggio a Taormina.

“L’ingegno è vedere possibilità dove gli altri non ne vedono”. “Sono le parole di Enrico Mattei, con le quali - ha ricordato Titone – si chiude il video che ha introdotto i lavori di OMC 2017 e che ha ripercorso a volo di uccello la storia del Mediterraneo fin dalle origini. "Ci proiettano verso un futuro che vedrà il gas avere ancora un ruolo fondamentale per ridurre le emissioni e guidare la transizione. Una transizione che è già realtà. Se la prima scoperta di gas risale al 1952 e si deve proprio a quel grande visionario che era Mattei, è significativo che, proprio a margine di Omc – ha concluso Titone - siano maturati gli accordi tra Eni e Comune di Ravenna sul gas in Adriatico che porteranno 2 miliardi di euro di investimenti nel quadriennio 2017-2020 in progetti offshore e il rilancio del Distretto energetico centro-settentrionale, un’eccellenza a livello internazionale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Open OMC-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Schianto tra auto all'incrocio: due donne finiscono in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento