Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Un proiettile bulgaro nella cava: Igor potrebbe esser il killer del metronotte

In particolare, durante il sopralluogo effettuato dai Carabinieri l'indomani del delitto, venne trovato per terra un proiettile bulgaro

Mentre continua la fuga di Norbert Feher, il 41enne ricercato per gli omicidi del barista Davide Fabbri (avvenuto la sera del primo aprile a Riccardina di Budrio durante un tentativo di rapina), e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, (assassinato una settimana dopo a Portomaggiore durante un controllo antibracconaggio nel quale è stato gravemente ferito il compagno di pattuglia, la guardia provinciale Marco Ravaglia), la Procura di Ravenna ha aperto un fascicolo a carico del latitante per omicidio volontario per il delitto in una cava tra Savio e Fosso Ghiaia, nel quale il 30 dicembre del 2015 è rimasto ucciso il 42enne Salvatore Chianese (LEGGI LA NOTIZIA). La notizia è stata riportata da "Il Resto del Carlino" e "Corriere Romagna".

>>> LE RICERCHE DI IGOR: GUARDA IL VIDEO <<<

In particolare, durante il sopralluogo effettuato dai Carabinieri l'indomani del delitto, venne trovato per terra un proiettile bulgaro. L'inchiesta è coordinata dal procuratore capo Alessandro Mancini e dal sostituto Daniele Barberini. Nel periodo dell'omicidio il 41enne venne fermato diverse volte per controlli tra il cervese e il cesenate dopo esser stato scarcerato. E il sanguinoso episodio si è consumato in una laterale dell'Adriatica, quindi in un territorio frequentato da Feher. Ci sono quindi sempre più elementi analoghi tra il delitto del metronotte e quelli del barista e della guardia ecologica volontaria. Chianese venne assassinato con un colpo di fucile a pallettoni. Il killer poi fuggì con l'arma di ordinanza della vittima.

E nel frattempo i Carabinieri continuano a setacciare le "zone rosse", al confine tra le province tra Ferrara e Ravenna e quella sotto la giurisdizione del comando di Molinella. I corpi speciali continuano a setacciare la vasta area tra Marmorta di Molinella e Campotto, convinti che l'uomo si trovi ancora in quell'area. "Fino a quando non sarà catturato noi non ci fermeremo, perché così si comporta un grande paese - ha detto il ministro dell'Interno Marco Minniti -. Ho incontrato gli uomini delle forze dell'ordine impegnati nella caccia all'uomo e li ho ringraziati uno per uno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un proiettile bulgaro nella cava: Igor potrebbe esser il killer del metronotte

RavennaToday è in caricamento