rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca

Senza tetto ravennate ucciso a bastonate a Roma: presi due romeni

Quando gli investigatori sono arrivati sul posto, il corpo di D'Angelo era disteso sul fianco sinistro, con i pantaloni tirati giù, all'interno di una struttura in legno

Un clochard ravennate di 68 anni, Giuseppe D'Angelo, è stato ucciso il 24 ottobre scorso a Roma in via Clivio di Scauro, nei pressi della struttura delle Suore Missionarie. Dopo appena 24 ore gli agenti della Squadra Mobile capitolina hanno chiuso le indagini, arrestando due romeni di 31 e 46 anni, entrambi senza fissa dimora. Quando gli investigatori sono arrivati sul posto, il corpo di D'Angelo era disteso sul fianco sinistro, con i pantaloni tirati giù, all’interno di una struttura in legno che delimita una sorta di patio adiacente l’asilo nido San Gregorio, con il volto tumefatto e coperto di sangue, poi identificato in Giuseppe D'Angelo.

Le attività immediatamente avviate hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei due indiziati. Infatti il primo sospettato, che aveva chiamato il locale 118 per far prestare soccorso alla vittima, ha sin da subito fornito agli investigatori dichiarazioni ambigue, che lasciavano intendere il suo coinvolgimento nel grave episodio. Dichiarazioni che hanno portato all’individuazione del secondo autore dell’efferato delitto, rintracciato alcune ore dopo l’omicidio in possesso degli effetti personali della vittima, rapinati dopo aver avuto un rapporto sessuale nelle adiacenze del luogo del delitto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza tetto ravennate ucciso a bastonate a Roma: presi due romeni

RavennaToday è in caricamento