Cronaca

Premiati i medici che hanno affrontato il Coronavirus: "Avete retto un urto che poteva travolgerci"

Il ricordo commosso del personale sanitario scomparso durante la pandemia. L'assessore regionale Donini: "Finché non avremo vinto questa battaglia continueremo a combatterla come abbiamo fatto fin dal primo giorno"

Dopo oltre un anno di paura, tensioni e drammi continui, anche il personale sanitario ricomincia a prendere fiato, pur senza arrestare mai la propria attività. E così medici e infermieri, possono togliersi per un attimo il proprio camice, uscire fuori dai reparti e ricevere il meritato ringraziamento di tutta la comunità. Si è tenuta martedì pomeriggio, davanti all'ingresso di via Missiroli dell'Ospedale di Ravenna, la cerimonia di consegna delle onorificenze "al merito della Repubblica" al personale sanitario della provincia di Ravenna. Una cerimonia densa di emozione e commozione che ha visto protagonisti coloro che, in questo anno e mezzo di lotta al Coronavirus, hanno speso tutte le energie per battere la pandemia.

Prima di insignire con questa prestigiosa onorificenza, concessa dal Presidente della Repubblica, i professionisti del corpo sanitario della provincia di Ravenna, il prefetto Enrico Caterino si è soffermato a ringraziare tutti coloro che con il proprio impegno hanno reso possibile arginare la diffusione del Covid-19. "Questo è un riconoscimento prestigioso ma meritato per l'impegno senza precedenti del personale sanitario. Oltre al dramma della morte avete dovuto affrontare il contagio e il confronto con la sofferenza in solitudine, elementi che si sono sommati all'ansia e alla preoccupazione di chi lottava contro il Covid. Nonostante le difficoltà il nostro territorio è riuscito ad affrontare la pandemia, anche se questa non è ancora del tutto superata".

Il prefetto di Ravenna ha dunque voluto sottolineare l'importanza di mantenere comportamenti prudenti: "Abbiamo superato la fase critica, ma non abbiamo ancora vinto la guerra. E questo dobbiamo farlo capire soprattutto ai giovani. Ci sono stati momenti di sconforto in questo lungo periodo, con il sistema sanitario in forte difficoltà in provincia di Ravenna. Ma tenendo il sistema sanitario ha tenuto anche il sistema sociale". E prima di passare alla consegna delle onorificenze un pensiero commosso è andato a tutti i membri del personale sanitario scomparsi durante la pandemia.

Proprio a questo elemento di commozione si è collegato il sindaco di Ravenna Michele De Pascale che ha voluto rivolgere un ultimo saluto al dottor Omero Triossi, direttore dell'Unità operativa complessa di Gastroenterologia dell'Ospedale di Ravenna, scomparso lunedì. "Se ne è andato uno dei professionisti più amati, apprezzati e stimati della nostra medicina". Il sindaco ha poi sottolineato due aspetti fondamentali connessi alla cerimonia di consegna delle onorificenze: "La nostra Repubblica inizia adesso il suo impegno più difficile. Sarebbe drammatico non riconoscere nei prossimi decenni il rispetto per le figure che vengono premiate oggi - afferma -. La battaglia per la salute si vince se si combatte assieme e questa è un'altra lezione che dobbiamo portare con noi nel futuro".

"Avete retto un urto che rischiava di travolgerci - dichiara poi l'assessore regionale alle politiche per la salute Raffaele Donini - Oggi abbiamo una speranza in più rispetto al passato, una speranza fondata sulla campagna vaccinale, uno sforzo retto ancora da chi ha guidato la lotta al Covid. Finché non avremo vinto questa battaglia continueremo a combatterla come abbiamo fatto fin dal primo giorno di pandemia". L'impegno preso dalla Regione Emilia Romagna per il futuro dovrà essere dunque quello di migliorare la sanità pubblica. "La sanità tornerà al centro delle politiche nazionali e regionali - conclude Donini - trovando le innovazioni di sistema che ci consentiranno di essere ancora più efficaci".

L'elenco dei premiati: Tiziano Carradori Direttore Generale Ausl Romagna, Stefano Falcinelli Presidente dell'Ordine dei Medici di Ravenna, Francesco Albertini Specialista Infettivologo dell'ospedale di Lugo, Raffaella Angelini Direttore Dipartimento di Sanità Pubblica Ravenna, Federico Domenico Baccarini U.O. Rianimazione dell'ospedale di Ravenna, Paolo Bassi Direttore Malattie Infettive dell'ospedale di Ravenna, Fabio Capucci Coll. Prof. Sanitario Infer.re cabina regia Tamponi Drive throgh e strutture Territoriali ed Anziani Sanità Pubblica Ravenna, Emanuela Cimatti Coll. Prof. Sanit. Infer.re Malattie Infettive dell'ospedale di Lugo, Francesca Dazzani Direttore U.O. Med. Interna dell'ospedale diLugo, Marco Domenicali Direttore U.O. Medicina Interna  dell'ospedale di Ravenna, Cristina Fabbri Dir. Delle professioni sanitarie area Inf.ca Rimini, Patrizia Gualandi Coll. Prof. Sanitario Infer.re Dir. Infermieristica Ravenna, Carlo Gurioli Direttore U.O. pneumologia dell'ospedale di Ravenna, Giuseppe Latorre Responsabile cab.regia servizio tamponi dell'ospedale di Ravenna, Claudio Marabini Direttore Cure Primarie Distretto Ravenna, Roberta Mazzoni Direttore Distretto Ter. Ravenna, Rita Melandri Referente bed management dell'ospedale di Ravenna, Maria Teresa Minguzzi Direttore U.O. Radiologia D.ca per immagini, Andrea Morelli Direttore U.O. Pronto Soccorso Med. D’urgenza dell'ospedale di Ravenna, Paolo Tarlazzi Direttore dell'ospedale di Lugo, Ivana Valenti Direttore U.O. Pronto Soccorso Med. D’urgenza  dell'ospedale di Lugo, Emanuela Zaffagnini Referente Cup Aziendale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premiati i medici che hanno affrontato il Coronavirus: "Avete retto un urto che poteva travolgerci"

RavennaToday è in caricamento