rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

Operaio schiacciato da un bobcat: in 7 a processo per omicidio colposo

Aveva un caffè in mano, quando il collega che manovrava un bobcat lo colpì inavvertitamente con una pala meccanica che lo uccise sul colpo

Aveva un caffè in mano, quando il collega che manovrava un bobcat lo colpì inavvertitamente con una pala meccanica che lo uccise sul colpo. In sette adesso sono finiti a processo per la morte di Pasquale Marigliano, l'operaio di 49 anni originario di Casavatore, in provincia di Napoli, deceduto il 15 gennaio del 2020 a Camerano, nell'anconetano.

Con l'accusa di omicidio colposo, come riporta AnconaToday, si è aperto martedì il dibattimento in Tribunale ad Ancona per gli imputati - due sono originari di San Benedetto del Tronto, uno è albanese, uno di Napoli e gli altri del ravennate - tutte persone legate a tre società che operavano all'epoca nel cantiere: una ditta di Napoli con una sede nell'ascolano, una del forlivese e la Cmc di Ravenna. Sei dei sette accusati sono ritenuti colpevoli di quella morte dalla Procura, ciascuno nel proprio ruolo di responsabile dei lavoratori presenti nel cantiere, perché avrebbero omesso di vigilare sul corretto utilizzo dei mezzi di lavoro e sulle qualifiche per farlo e per operare nel piazzale dove si è verificato l'infortunio mortale.

L'operaio che guidava il macchinario non avrebbe posseduto i titoli abilitativi per pilotare il bobcat e nemmeno le capacità operative. Quella mattina si sarebbe messo alla guida del mezzo per la pulizia del piazzale nord, dove né lui né il collega morto sarebbero dovuti stare. L'operaio deceduto è stato trovato con il casco da cantiere rotto dal peso del braccio idraulico del bobcat.

In aula martedì, davanti alla giudice Francesca Grassi, sono stati sentiti un Carabiniere intervenuto sul posto dopo il dramma e l'ingegnere Asur per la sicurezza del posto di lavoro, che ha riconosciuto una imprudenza commessa dall'operaio morto. I familiari di Marigliano si sono costituiti parte civile con l'avvocato Antonio Nerone. Prossima udienza il 6 giugno per sentire un testimone oculare, un lavoratore che si trovava nel piazzale quando è avvenuto il dramma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio schiacciato da un bobcat: in 7 a processo per omicidio colposo

RavennaToday è in caricamento